Serie A, rinviati gli allenamenti di gruppo

Serie A, rinviati gli allenamenti di gruppo

Gli allenamenti di gruppo, inizialmente in programma a partire dal 18 maggio, sono temporaneamente sospesi.

di Massimo Angelucci

Ennesimo capitolo dell’estenuante storia circa la ripresa della Serie A. Tramite l’Ansa, il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha dato la doccia fredda a milioni di tifosi italiani dichiarando: “Secondo il punto E del nuovo DPCM, finché non c’è il visto del Comitato valgono le regole precedenti”. Ma le regole precedenti permettono al momento solo la possibilità di allenamenti individuali al centro sportivo o nella propria abitazione, ragion per cui per ora sono vietati gli allenamenti collettivi che invece sarebbero dovuti iniziare proprio domani.

VIA LIBERA ATTESO PER MARTEDÌ

C’è però fiducia che il tanto atteso semaforo verde arrivi nel giro di 48 ore, in pratica per martedì 19 maggio, permettendo così alle squadre dal 20 maggio di ricominciare ad allenarsi collettivamente. Il nuovo protocollo, in visione presso il Comitato Tecnico Scientifico, dovrebbe modificare alcune restrizioni, anche grazie all’apertura di Spadafora, che al momento prevedono la messa in quarantena dell’intera squadra per 14 giorni in caso di un solo giocatore contagiato, rendendo così impossibile la conclusione regolare delle competizioni nazionali. Protocollo, quello attuale, che è stato ferocemente criticato da molte squadre di A tanto da minacciare di non scendere in campo per gli allenamenti collettivi che erano in programma a partire da domani.

SLITTA L’EVENTUALE RIPARTENZA

A causa di questo brusco stop, la proposta avanzata durante l’assemblea di Lega svoltasi in videoconferenza lo scorso 13 maggio, dove era stato indicato il week end del 13-14 giugno come possibile restart, è da considerarsi fortemente a rischio. Una data alternativa, vociferata durante l’assemblea, potrebbe essere quella del 20 giugno. Stiamo però su un campo meramente ipotetico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy