L’Atalanta inizia nel segno di Gomez

L’Atalanta inizia nel segno di Gomez

Uno strepitoso Papu Gomez trascina l’Atalanta contro il Frosinone.

di Massimo Angelucci

Il Campionato dell’Atalanta comincia nel segno del Papu Gomez. Una doppietta nel 4-0 contro il Frosinone dà i primi tre punti di campionato ai bergamaschi.

Il Capitano nerazzurro, che come Daniele De Rossi, si è presentato in campo con una fascia personalizzata in contravvenzione alle disposizioni della Lega Calcio, è stato il migliore in campo non solo per i goal ma anche per gli assist che ha saputo confezionare per Hateboer, al suo primo goal in Serie A, e Pasalic, autore del 3-0. “El Papu”, che ha aperto e chiuso le marcature e fatto la fortuna di tutti i fanta allenatori che hanno schierato titolare l’argentino, si sta dimostrando ancora una volta “Il CR7 dell’Atalanta” per citare le parole del tecnico bergamasco Giampiero Gasperini al termine del match ed ha regalato alla sua squadra la vittoria al debutto in campionato, risultato che mancava da 10 anni, mentre per il neo promosso Frosinone un ritorno in Serie A non da tramandare ai posteri.

Non è certo una novità vedere un Gomez così determinante per i nerazzurri di Bergamo, lo si era già visto all’opera nei primi 2 turni preliminari di Europa League, contro Sarajevo ed Hapoel Haifa ed è stato il valore aggiunto dell’Atalanta nelle stagioni passate, un valore aggiunto per la qualificazione dei nerazzurri in Europa.

In ottica play off di Europa League, contro il Copenaghen, vedere un Papu Gomez e un’Atalanta in queste condizioni è sicuramente un ottimo auspicio.

LA CRONACA DEI GOAL

Al 14° arriva il primo goal del Papu. Un tocco morbido a scavalcare Sportiello su assist di Toloi.

Per il raddoppio si deve aspettare la ripresa: la punta argentina sforna l’assist dalla sinistra sul palo lontano per Hateboer. 2-0 Atalanta.

Poco dopo è Pasalic a sfruttare uno dei “cioccolatini” del Papu: al 61’ Gomez supera l’intera difesa ciociara e mette a centro area un assist che il neo centrocampista bergamasco deve solo spingere in rete.

La serata magica del Papu, e ribadiamo, anche quella dei fanta allenatori che lo hanno schierato titolare, termina al 92’ con un tiro giro a conclusione di un’azione personale. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy