Calciomercato, Lazio: doppia frenata Muriqi-Fares

L’attaccante del Fenerbache si è infortunato. Per l’esterno, invece, non si trova l’accordo con la Spal

di Mauro Maccioni

Se n’è parlato molto negli ultimi giorni, ma il mercato della Lazio continua a far parlare. Dopo l’ufficialità di Reina, Muriqi e Fares dovevano seguirlo a ruota e a poca distanza: ma le cose si sono ingarbugliate su ambo i fronti.

INFORTUNIO MURIQI

L’affare Muriqi, come abbiamo raccontato negli scorsi giorni, sembrava essersi sbloccato definitivamente. Ora, invece, le carte in tavola sono state rovesciate. Nel corso dell’amichevole con l’Instanbulspor, infatti, l’attaccante si è infortunato al polpaccio. Inizialmente si pensava a uno stiramento, con annesso stop di due sole settimane, ma ora la situazione sembra ben peggiore. Alcune voci di corridoio turco sostengono con forza che non si tratti di uno stiramento, bensì di uno strappo che potrebbe portare il kosovaro a saltare più di un mese. Si parla, dunque, di non fare la preparazione e di non giocare per la prime partite di campionato. Una botta che, da quel che filtra, potrebbe complicare la trattativa, attualmente in stand-by nell’attesa di scoprire la verità dei fatti. La trattativa Muriqi-Lazio, dunque, si è cristallizzata. Forse per sempre.

DISTANZA PER FARES

Mentre con Muriqi si era già trovato un accordo economico – 16 milioni più 2 di bonus -, per Fares la situazione è opposta. La Lazio ha affondato con la Spal, ma l’offerta di 6-7 milioni più una contropartita a scelta tra Palombi, Di Gennaro e Maistro non ha convinto i ferraresi, che chiedono 10 milioni cash. Tare non sembra intenzionato ad alzare troppo l’asticella, ma è probabile un rilancio specie in vista del possibile interessamento dell’Inter, che sulla fascia sinistra cerca rinforzi. Potrebbe trattarsi di una semplice trattativa di disturbo, ma il ds biancoceleste tiene le antenne alzate. E Inzaghi, con il prurito alle mani, continua ad aspettare rinforzi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy