Atalanta a 3, in avanti tridente mobile e multiuso

Atalanta a 3, in avanti tridente mobile e multiuso

Malinovskyi, Muriel e un Pasalic rodato offrono un ventaglio di soluzioni estremamente maggiore al vate di Grugliasco che potrà plasmare di gara in gara il tridente più congeniale all’avversaria.

di Giuseppe Ronco
Atalanta a 3, in avanti tridente mobile e multiuso

SFIDA LA REDAZIONE DI FANTAMAGAZINE SU MAGIC
Crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport!


Il tre per Gasperini e la sua Atalanta è una costante. Non solo per il terzetto arretrato, praticamente intoccabile, ma anche per le frecce avanzate. E se è vero da un lato che la prima riproposizione offensiva deve essere trainata da almeno tre uomini, è anche vero che la scelta degli interpreti varia da partita a partita. Di quella scarsa varietà che l’anno scorso poteva esser stata una debolezza, quest’anno non resta neanche l’ombra. E questo perché ai tre tenori si sono aggiunti Malinovskyi, Muriel e un Pasalic ormai rodato.

ATALANTA A 3, LE SOLUZIONI TARGATE MURIEL

E le soluzioni a questo punto sono molteplici. Con il classico Gomez-Ilicic-Zapata la configurazione propone l’argentino trequartista, con Duvan terminale offensivo di riferimento e Josip seconda punta a galleggiargli attorno. Ma come spalla del colombiano adesso Gasperini può proporre anche Muriel, offrendo a Ilicic quel rincalzo quasi “preteso” che gli permetterebbe di gestire meglio le forze. Possibile anche un tridente classico, con Gomez e uno tra Ilicic e Muriel di ala con Zapata terminale centrale.

ATALANTA A 3, LE SOLUZIONI TARGATE PASALIC

Ma le vere varianti le rappresentano Pasalic e Malinovskyi. Il primo propende ad interpretare con naturalezza il ruolo di centrale, ma ha acquisito progressivamente confidenza con la posizione di trequartista. Ne offre certamente un’interpretazione diversa da quella di Gomez, più improntata sull’aggressione dello spazio. Ma i 5 gol della passata stagione non sono un caso, e sono arrivati proprio al culmine di un percorso di crescita che lo ha visto apprendere i dettami della posizione. Piazzarlo sulla trequarti permetterebbe di portare Gomez più vicino alla porta, soluzione che in alcune gare (o anche a partita in corso) può rivelarsi particolarmente efficace. Da non scartare anche l’opzione 352 con Muriel Zapata di punta. Un assetto tattico del genere si presenta congeniale soprattutto contro avversarie di alto livello, capace di offrire copertura e soluzioni in contropiede con le due punte entrambe brave in progressione.

ATALANTA A 3, LE SOLUZIONI CON MALINOVSKYI

Sebbene sia arrivato di fatto come mediano, Ruslan Malinovskyi si è configurato agli occhi di Gasperini sempre di più come trequartista. Posizione, questa, in cui può accendere con naturalezza il suo mancino sopraffino e far valere la sua naturale propensione alla verticalizzazione. Abile anche nel dribbling, coniuga in maniera esemplare caratteristiche di Gomez da un lato e Pasalic dall’altro. Ci mette il fisico, va sul pallone, ma allo stesso tempo ha una capacità discreta di dribbling e di transizione. Con lui in campo la squadra acquista valore in costruzione, soprattutto per la possibilità di schierarlo insieme a Gomez, senza perdere nè gamba nè centimetri in mezzo. Insomma, una profilo che parte come un’alternativa ma, di fatto, si presenta come un valore aggiunto decisamente più consistente.

Tenendo conto di ciò e dell’inevitabile turnover a cui la Champions costringerà la Dea, sia Pasalic che Malinovskyi hanno ottime possibilità di racimolare 30 presenze e di spalmarci sopra 4-5 gol e altrettanti assist. Profili fantacalcisticamente importanti, ottimi nomi per coprire il vostro quarto slot in leghe numerose. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy