Consigli Fantacalcio 37a giornata – Le possibili sorprese Fantamagazine

Consigli Fantacalcio 37a giornata – Le possibili sorprese Fantamagazine

Ecco tutte le possibili sorprese per la 37a giornata di campionato

Commenta per primo!

La redazione di Fantamagazine, per ogni turno di campionato, vi propone consigliati, sconsigliati ed uno speciale per analizzare tutte le possibili sorprese delle nostre schede squadra (che potete trovare QUI). In questo appuntamento scopriamo insieme quali giocatori sono consigliati al Fantacalcio per la 37a giornata della serie A.

CONSIGLI FANTACALCIO 37a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE FANTAMAGAZINE

Seguiteci inoltre nel nostro canale Telegram! Scaricate l’app gratuita dallo store e iscrivetevi al nostro canale (questo il link, cliccate direttamente da cellulare -> https://telegram.me/fantamagazine). Riceverete gli indisponibili, le ultime news, i voti, i consigli direttamente sul vostro smartphone. Gratis! È un’esclusiva Fantamagazine per voi.

CHIEVO – ROMA

La novità più piacevole di questo finale di stagione. Il testone di Maran finalmente si è deciso a dare fiducia a Bastien a risultato ottenuto e lui ricambia con grandi prestazioni e intensità per tutti i novanta minuti di gioco. Potrebbe essere proposto di fianco a Birsa qualora si giochi con il doppio trequartista, quindi più vicino alla porta, ruolo che adora e che fa alla perfezione. Esperimenti per il prossimo anno, oggi è lui la nostra scommessa di giornata, anche per la giovane età i pagellisti potrebbero essere clementi con lui in caso di pesante disfatta. Al Chievo (anche se in casa) ha fatto il suo secondo gol stagionale. Quest’anno per una serie casuale di circostanze ancora nessun gol per Rudiger.

NAPOLI – FIORENTINA

Ci ripetiamo, ma Allan sta dando in questo finale di stagione veramente il meglio di se, magari ne esce un’imbucata vincente. Da titolare o a partita in corso, Zielinski, ha tutte le potenzialità per incidere. Al momento parte da panchina di Allan, ma a squadre stanche potrebbe riuscire a lasciare ancor meglio il segno. Scommessa da tentare in assenza di alternative di alto livello. Si prevedono pochissimi palloni giocabili nei pressi della porta, Kalinic non è un killer d’area ma in questa partita servirà esserlo, si può rischiare se non si hanno alternative valide.

EMPOLI – ATALANTA

Al rientro nei titolari dopo 2 partite, Krunic dovrà far valere la sua fisicità a centrocampo che è mancata come il pane. E se solo fosse un po’ più freddo sottoporta. Invecchiato, forse un po’ imbolsito e rimasto ai margini negli ultimi due mesi: oggi tocca a Maccarone, quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare. Darà tutto e di più per portare la squadra alla salvezza. Domina il centrocampo con una semplicità impressionante anche quando gioca a mezzo servizio. Gli unici dubbi su Kessie sono a livello di testa, si è parlato troppo di mercato e la cosa potrebbe condizionarlo, ma non necessariamente in modo negativo.

MILAN – BOLOGNA

Il gol contro l’Atalanta nei minuti finali segnato da Deulofeu potrebbe averlo ulteriormente spronato per un finale di stagione in crescendo. La squadra non vince da troppo tempo, le parate del guardiano della luna Donnarumma saranno fondamentali in questa partita. Non è al meglio fisicamente, ma è reduce da un’ottima prestazione in casa. Occhio che abbiamo detto la stessa cosa anche 2 settimane fa in Empoli-Bologna, e Destro ci ha portato un bel 5. Adesso si gioca contro una squadra più forte, ma Destro è un ex: magari ci esce la spizzata del gol della bandiera.

JUVENTUS – CROTONE

Gioca bene, molto, ma in fase di finalizzazione Dybala ha perso un po’. Rimane il rigorista della squadra, e l’obiettivo minimo della doppia cifra è lì ad un passo. Nella sfida che può valere lo scudetto, nello stadio in cui ha segnato 8 dei suoi 9 gol in campionato, riuscirà a tornare a brillare? In grande spolvero in coppa italia, con due assist di cui il primo perfetto per la conclusione di Dani Alves. Alex Sandro, pur non brillando nelle ultime apparizioni in campionato, fa notare con evidenzia la differenza con Asamoah. Se gioca come a Roma può essere un fattore determinante della partita con le sue accelerazioni e i suoi cross. Pjanic è cresciuto tantissimo nella seconda parte di stagione nel ruolo davanti alla difesa, ha preso la squadra in mano, ma ha perso innegabilmente un po’ di appeal a livello fantacalcistico. Poche chances su azione, anche se l’assist è sempre dietro l’angolo. Probabilmente, in questa partita non andrebbe schierato nessuno se non come copertura in panchina. Detto questo, Falcinelli, appare comunque come uno dei pochissimi in grado di uscire con una sufficienza dallo Stadium. All’andata, l’unico tiro nell specchio fu suo, con un colpo di testa debole.

SASSUOLO – CAGLIARI

Gioca la palla con una tecnica estrema, pochi tocchi e pallone che esce sempre con qualità dai suoi piedi, il fatto di giocare con costanza gli sta facendo prendere più fiducia e può rendersi pericoloso anche in zona offensiva. È stato un anno particolare per Sensi e probabilmente non lo avrà nessuno in rosa, in caso contrario è questo il momento di schierarlo. Giocatore dalla gestione molto complicata in questi ultimi mesi, sempre alle prese con problemi fisici che non gli permettono di trovare continuità. Nei 25 minuti giocati a San Siro, abbiamo visto il solito Defrel molto mobile, sempre pronto a pressare tutti ed è andato anche vicino al gol. Purtroppo potrebbe non giocare dall’inizio, per cui è giusto facciate le vostre valutazioni, ma in una partita che si prospetta aperta e con qualche gol, il francese può benissimo lasciare il segno. Gol a Napoli e doppietta la scorsa, in formissima. Quindi perché non è Farias il consigliato? Il motivo è che un giorno si sveglia ed è Neymar, e il giorno dopo è Thiago Ribeiro, per cui può benissimo essere che continui il suo periodo di forma straripante come può essere che ci si accorga della sua presenza in campo solo al momento del cambio. In ogni caso, per chi vuole crederci o puntare sul suo periodo di forma, rimane una buonissima scelta.

UDINESE – SAMPDORIA

A prima vista mettere Danilo tra le possibili sorprese sembra un bell’azzardo dopo qualche topica di troppo nelle ultime uscite. Aggiungiamo al mix il gruppo di ex capitanato da Muriel in crescita al rientro, l’altro ex Quagliarella, l’enfant prodige Schick. Insomma tutti attaccanti pericolosi e con caratteristiche che si sposano male con la coppia centrale friulana. D’altra parte in casa la squadra tiene molto meglio e la spinta del Friuli per l’ultima dei bianconeri in casa sarà decisiva; inoltre non solo è riuscito ad arginare gli attacchi doriani all’andata (6,5) e lo scorso anno in casa (7), ma proprio in casa quest’anno ha dimostrato di trasformarsi in un giocatore completamente diverso: tre sole insufficienze gravi in stagione, ultimamente alterna ai 5 in trasferta dei 6,5/7 casalinghi. Anche per i bonus quest’anno si è sbloccato solo alla Dacia Arena, e la sua vittima storica in serie A con 2 gol (anche se questi in trasferta) in 8 presenze è proprio la Sampdoria. Ci affidiamo al fatto che gli infortunati solitamente danno il meglio subito appena rientrati, inoltre si gioca nella sua Udine, squadra e città dell’ex Muriel.

GENOA – TORINO

Pandev ha messo lo zampino negli unici risultati utili del Grifone degli ultimi due mesi. A gara in corso ha dimostrato di sapersi rendere pericoloso: potrebbe esserci la sua firma sulla salvezza dei rossoblù. Quanto sono mancati i muscoli e la forza del ghanese? Tanto, troppo: Acquah torna e potrebbe fare bene.

LAZIO – INTER

Felipe Anderson, tenuto inizialmente in panchina in finale, si è fatto notare per un bel tiro respinto da Neto, e poco altro. Ormai la stagione è finita, gli alti e i bassi sono stati una costante: ormai lo conoscete, con lui vie di mezzo non ce ne sono. Alzi la mano chi ha ancora in rosa Gabriel Barbosa: adesso o mai più! Magari non combina niente ma nelle sue caratteristiche (un pò fumose da quel poco che abbiamo visto) ci può essere il colpo a sorpresa.

PESCARA – PALERMO

Buon impatto contro il Bologna, anche se fisicamente Gilardino (come naturale che sia) non è ancora in perfette condizioni. Ad ogni modo ha dimostrato molta voglia di fare, e soprattutto di riscattare (per quel che si può) una stagione sfortunata. Difficilmente partirà titolare ma probabile che Zeman gli riservi una buona porzione di gara (20 minuti) per provare a lasciare il segno contro la sua ex squadra. Nell’amichevole di Giovedì è andato anche in gol. Insomma, il violino è accordato. Tocca solo tornare a suonarlo. Alino Diamanti è alla ricerca di un contratto per la prossima stagione. Ultimamente sta giocando discretamente e magari potrebbe regalare un bonus visto il tipo di match.


Se questo articolo vi è piaciuto, vi forniamo altri articoli sui consigli fantacalcio 37a giornata

Vedi anche -> Sconsigliati 37a giornata

Vedi anche -> Consigliati 37a giornata

Vedi anche -> Live ultime dai campi 37a giornata

Vedi anche -> Riepilogo indici di schierabilità 37a giornata

Vedi anche -> Analisi Arbitri 37a giornata: probabilità rigori e cartellini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy