Pagelle Sassuolo – Genoa 5-3: Boateng e Babacar battono Piatek! – Voti Fantacalcio

Pagelle Sassuolo – Genoa 5-3: Boateng e Babacar battono Piatek! – Voti Fantacalcio

Non basta la doppietta del solito Piatek e il gol di Pandev al Genoa che subisce 5 gol dal Sassuolo con Boateng e Babacar sugli scudi con un gol a testa. Di Ferrari, Lirola e autogol di Spolli le altre marcature.

di Voti Fantamagazine

Partita ricca di goal ed emozioni a Reggio Emilia, con ben 8 reti. Apre le danze Piatek che porta in vantaggio gli ospiti. Poco dopo, nel giro di 12′, il Sassuolo segna 4 goal: Boateng, Lirola, Babacar e autogoal di Spolli. La ripresa comincia con lo stesso copione e il Sassuolo trova il quinto goal con Ferrari. Cala l’attenzione per gli emiliani e il Genoa accorcia prima con Pandev e poi con Piatek, che sigla la doppietta. Finisce 5 – 3 per il Sassuolo.

PAGELLE SASSUOLO

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Sassuolo

Consigli 6 – Una bella parata nel primo tempo, incolpevole sui goal del Genoa.

Lemos 5 – Bene per 70′, poi però è protagonista in negativo di due goal del Genoa. Prima si fa rubare palla da Favilli in fase di impostazione, mentre nel secondo episodio si fa bucare troppo facilmente, sempre dal giovane scuola Juve. Esce a poco dalla fine per Dell’Orco.

Magnani 5,5 – Come il suo collega di reparto appena citato, gioca una gara pressoché perfetta fino a metà ripresa. Nel suo caso, la colpa è essere un po’ troppo leggero a centro area, prima su Pandev e poi su Piatek.

Ferrari 6 – Non ha particolari colpe sui goal, anche se cala in attenzione come tutto il reparto quando la squadra è avanti di 4 goal. Ha il merito di mettere il suo nome tra i marcatori con una rete di testa.

Lirola 7 – Un po’ ingenuo e sfortunato in occasione del primo goal del Genoa, recupera però bene giocando una gran gara, soprattutto in fase offensiva. La fascia destra è sua, dove si propone in continuazione e trova anche il goal in tap-in. Instancabile fino alla fine.

Locatelli 6,5 – Prima mezz’ora in difficoltà, come quasi tutta la squadra, dopodiché cresce in sicurezza e disimpegna bene, regalando anche qualche numero. Suo l’assist su calcio d’angolo per Ferrari.

Duncan 6,5 – Gioca con quantità e autorevolezza, senza avere cali per tutto il match.

Rogerio 6,5 – Meno appariscente di Lirola, ma esce bene sulla distanza, con delle buone chiusure e alcune sgroppate molto interessanti.

Berardi 6,5 – Altra prova matura per il ragazzo di Cariati, che non trova la rete ma gioca con intelligenza, mostrando un gran calcio. Autorevole, spende molto per i compagni senza sprecare possessi. Esce nella ripresa per Bourabia.

Babacar 7,5 – L’idea è che possa addirittura fare di più, ma oggi è al centro del gioco. Entra in 4 goal del Sassuolo. Suo l’assist per il pareggio di Boateng, e poco dopo appoggia in tap-in il suo primo goal in stagione. Successivamente, un suo bel tiro favorisce la rete di Lirola e prima della fine del primo tempo, ancora una sua conclusione trova la deviazione di Spolli per l’autogoal del difensore genoano. Esce per Boga.

Boateng 7,5 – Partita superlativa, sia per il goal che per l’apporto alla squadra. Parte in sordina, per poi pareggiare su assist di Babacar. Una sua spettacolare rovesciata propizia la rete del senegalese. A tutto ciò aggiunge 90′ di corsa, pressing ed esperienza.

Bourabia 6 – Entra a partita quasi chiusa, recupera qualche pallone e non commette errori.

Boga 5,5 – Gioca poco. Potrebbe colpire col Genoa sbilanciato, grazie alla sua velocità. Purtroppo però risulta leggerino e lezioso e spreca un paio di buone opportunità.

Dell’Orco SV.

Pagelle a cura di Niccolò Villani

PAGELLE GENOA

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Genoa

Marchetti 4,5 – La buona prova di settimana scorsa sembra già un lontano ricordo: appena messo un po’ sotto pressione regala due gol al Sassuolo con due respinte centrali decisamente rivedibili.

Biraschi 4,5 – Dalla sua parte, ma non solo, Boateng fa quello che vuole. È proprio il ghanese ad attirarlo fuori posizione in occasione del primo gol del Sassuolo. Di tanto in tanto prova anche ad impostare il gioco, si capisce che non è nelle sue corde.

Spolli 4,5 – Impreciso, spaesato, fuori posizione: il fantasma del leader difensivo della scorsa stagione. Il fantozziano autogol è solo la ciliegina finale su una prestazione tremenda.

Zukanovic 5 – Paga anche lui i dieci minuti di follia difensiva del primo tempo, oltre ad una condizione fisica decisamente rivedibile.

Lazovic 5 – Esce dopo 45 minuti di nulla in fase offensiva e di qualche incertezza in quella difensiva.

Romulo 5 – Un fantasma in mezzo al campo: si muove poco e male. Nella ripresa viene spostato come terzino destro, dove sembra quasi trovarsi maggiormente a proprio agio.

Hiljemark 5,5 – Tra i pochi a lottare dall’inizio alla fine, ma predica praticamente nel deserto. Soffre anche lui l’inferiorità numerica a centrocampo.

Criscito 5 – Come Lazovic sulla fascia opposta: poco propositivo, molto impreciso e in grande difficoltà in fase difensiva. Si perde Lirola in occasione del vantaggio dei neroverdi, e in generale non regge il confronto con l’esterno neroverde.

Pandev 6,5 – Tra i migliori nella prima mezzora, nonché tra i più attivi dell’intera squadra. Segna il gol della speranza nella ripresa, ma finisce per costare caro il suo errore davanti a Consigli sulla 1-1, che avrebbe potuto riportare in vantaggio il Genoa.

Kouamé 5 – Parte bene facendosi notare con un paio di movimenti in profondità, poi sparisce quando il risultato si fa pesante. Nella ripresa gli spazi si riducono e non trova più zone di campo da attaccare.

Piatek 6,5 – Timbra subito come (già) suo solito e nel secondo tempo trova la doppietta personale. Senza i 10 minuti di suicidio difensivo, sarebbe potuta essere (nuovamente) la sua serata.

Favilli 6,5 – Entra e fa quello che gli si chiede: qualche sportellata, fa valere il suo fisico imponente e propizia i due gol della seconda frazione di gioco.

Bessa 5,5 – Con il suo ingresso il centrocampo acquista un po’ di mobilità e fantasia. A volte risulta un po’ troppo confusionario.

Dalmonte 5 – Si isola sulla fascia destra, toccando veramente pochi palloni. Non il cambio più azzeccato.

Pagelle a cura di Alessandro Vai

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy