Pagelle Lazio – Fiorentina 1-1: Babacar su rigore al 94° risponde a De Vrji! – Voti Fantacalcio

Un rigore nel finale fischiato grazie all’intervento del Var, ferma la Lazio in casa sull’1 – 1 con la Fiorentina.

di Voti Fantamagazine

Partita all’insegna dei colpi di scena all’Olimpico: la Lazio per lunghi tratti amministra un vantaggio ottenuto in avvio grazie a Stefan De Vrij. Nella ripresa la Fiorentina riesce a prendere in mano il pallino del gioco e, al fotofinish, agguanta un meritato pareggio grazie ad un rigore realizzato da Babacar e procurato da un’ingenuità di Caicedo. Ritorno senza gloria per Pioli all’Olimpico ma il tecnico viola può consolarsi in virtù di una squadra che ha dimostrato di non saper mollare. Inzaghi, d’altro canto, può reciminare sul fatto che i suoi abbiano lasciato le redini della partita nelle mani degli avversari per un’intera frazione di gioco.

PAGELLE LAZIO

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Lazio

Strakosha 6,5 – In avvio controlla con sicurezza una rasoiata di Thereau, dimostra personalità uscendo molto fuori dall’area per chiudere su Chiesa lanciato a rete. Ordinaria amministrazione sulle conclusioni scialbe degli offensivi viola, spettacolare quando chiude la porta alla rovesciata di Pezzella.

Bastos 6,5 – Dopo la doppia amnesia del derby, il roccioso centrale biancoceleste si esibisce in un’altra prestazione solida in linea con quelle delle precedenti apparizioni: annulla Thereau e costringe Pioli a spostare il francese nella zona di Radu.

De Vrij 7 – Annichilisce Simeone sia dal punto di vista fisico che tattico, anticipandolo sempre. È imperioso lo stacco col quale si regala la terza rete in campionato che vale il vantaggio della Lazio.

Radu 6 – Meno appariscente di Bastos e De Vrij, pur non rubando la scena, riesce ad essere sempre nel posto giusto al momento giusto.

Marusic 6,5 – La dirompente discesa di settanta metri palla al piede ritrae perfettamente quelle che sono le sue qualità migliori: corsa e potenza al servizio di mister Inzaghi. Sta diventando una pedina imprescindibile in questo 3-5-1-1.

Parolo 6 – Si inserisce con estrema puntualità e precisione, in avvio per poco non guadagna un calcio di rigore, in fase difensiva soffre un po’ troppo.

Leiva 6,5 – Uno dei segreti di questa Lazio in rampa di lancio risiede sicuramente nel metronomo ex Liverpool: recupera una quantità immane di palloni e non spreca mai nulla, amministrando con saggezza. Non sarà bellissimo da vedere, ma è tremendamente efficace.

Milinkovic S. 6 – La stella serba è un contenitore di classe immensa in 194 centimetri di pura potenza. In avvio delizia l’Olimpico con una giocata da funambolo ma non riesce ad incidere come le premesse vorrebbero.

Lulic 5,5 – Tiene duro e scende in campo nonostante la febbre. Apprezzabile il coraggio ma è palesemente fuori forma e non riesce a spingere come fa di solito.

Luis Alberto 7 – Il centrocampista spagnolo è la dimostrazione che, prima o poi, il talento emerge sempre: verticalizza tantissimo, pennella perfettamente per il gol di De Vrij e mette almeno altre tre volte i compagni in condizione di andare in rete. A ciò si aggiunge una notevole intelligenza tattica che gli permette di chiudere spesso in anticipo sugli avversari. Imprescindibile.

Immobile 6,5 – Ha abituato a prestazioni talmente positive che oggi, pur giocando bene, sembra in ombra. Si sacrifica molto e guadagna falli importanti a far salire la squadra, quando dialoga con Luis Alberto la difesa avversaria sono dolori.

Lukaku 6 – Rileva un febbricitante Lulic per conferire maggiore ampiezza alla manovra biancoceleste. Spinge bene ma non incide particolarmente.

Basta 6 – È chiamato a sostituire un ispiratissimo Marusic, si limita al compitino senza rischiare mai l’affondo decisivo.

Caicedo 4,5 – Rileva Luis Alberto ed è ininfluente in fase offensiva. Come se non bastasse, commette il fallo ingenuo che consegna a Bacacar il rigore del pareggio al fotofinish. Maldestro.

Pagelle a cura di Francesco Quaranta

PAGELLE FIORENTINA

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Fiorentina

Sportiello 6,5 – Prestazione altalenante da parte dell’ex Atalanta: in avvio di gara recapita un sanguionoso pallone sul petto di Luis Alberto al limite dell’aria, costringe Astori a prendersi un giallo e per sua fortuna dalla conseguente punizione non scaturisce alcun pericolo. Tocca la palla in occasione dell’incornata di De Vrij ma non riesce a respingere. Riesce a rifarsi con pregevoli interventi su Luis Alberto e Immobile, sul finale strozza l’urlo del gol in gola a Parolo con un riflesso felino. Bipolare.

Laurini 6 – Milinkovic è un cliente scomodissimo, fa di tutto per opporsi allo strapotere fisico del serbo e, a tratti, ci riesce. Assente in fase offensiva ma può starci in questa gara.

Pezzella 6,5 – Chirurgico quando si tratta di intervenire su Milinkovic, dirompente quando si fionda su Immobile in almeno due occasioni, va in difficoltà con gli inserimenti centrali di Parolo ma sul finale si esibisce in una spettacolare rovesciata e conquista un calcio di rigore.

Astori 5,5 – I tagli di Immobile lo mettono in difficoltà e non trova quasi mai il tempo giusto per intervenire sulle verticalizzazione di Luis Alberto. In avvio si becca un giallo pesante per rimediare ad un grossolano errore di Sportiello.

Biraghi 6 – Vererout lo aiuta molto a contenere un ispirato Marusic, in fase offensiva si fa notare per qualche interessante sventagliata che non sortisce gli effetti sperati.

Badelj 5,5 – Non riesce a tessere le trame della squadra viola perché Leiva lo asfissia, in fase d’interdizione Parolo gli sfugge via troppe volte.

Veretout 6 – Alcune chiusure perfette gli permettono di emergere rispetto a Badelj ma in linea di massima non fa molto per opporsi al dinamismo del centrocampo della Lazio.

Benassi 5,5 – Non riesce ad inserirsi e nemmeno a dialogare con Chiesa. Per quanto ci provi, non arriva mai con pericolosità alla conclusione e, stanco, si spegne alla distanza.

Thereau 5,5 – Alcuni errori non da lui macchiano una prestazione tutto sommato positiva. In avvio spaventa Strakosha dalla distanza e per tutta la gara apre spazi a Simeone con intelligenti tagli alle spalle di Bastos che, però, lo annulla.

Chiesa 6,5 – Non appena si accorge di avere spazio in cui insinuarsi, spacca la retoguardia laziale con le sue prepotenti discese. Prova a servire Simeone con ottimi suggerimenti e non fa mai mancare la giusta grinta in fase difensiva.

Simeone 5 – Non riesce a prendere posizione in area avversaria e, pur avendo un’unica buona occasione sul destro, spara in curva su ottimo suggerimento di Chiesa.

Babacar 6 – Pioli gli chiede di fare da spalla a Simeone nel suo 3-5-2 a gara in corso, il senegalese non riesce a fare da appoggio al Cholito e nemmeno a rendersi pericoloso quando si mette in proprio. Ha il merito di realizzare con freddezza il rigore del definitivo 1-1.

Vitor Hugo 6 – Pioli lo inserisce per passare ad un 3-5-2 a trazione offensiva. Fa il suo dovere senza patemi anche perché la Lazio abbassa il baricentro.

Saponara 5,5 – Non è ancora entrato in condizione ma gode della fiducia del tecnico che lo utilizza anche stasera come arma a gara in corso: non eccelle per lucidità ma si sacrifica molto sia in fase difensiva che in ripartenza.

Pagelle a cura di Francesco Quaranta

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy