Pagelle Crotone – Chievo 1-0: Budimir porta tre punti ai calabresi! – Voti Fantacalcio

Pagelle Crotone – Chievo 1-0: Budimir porta tre punti ai calabresi! – Voti Fantacalcio

Chievo brutto e con poche occasioni da gol, giusta la vittoria del Crotone che prende anche una traversa con Stoian

di Voti Fantamagazine

Allo stadio “Ezio Scida” va in scena una moderna trasposizione di “Waiting for Godot”. I minuti passando inesorabili, scanditi da un ritmo lento dettato da due compagini in attesa di un qualcosa. Quel qualcosa arriva a metà della prima frazione e porta il nome di Ante Budimir. Grazie alla rete dell’ariete pitagorico, il Crotone riesce a far valere il fattore casa e conquista una vittoria tanto importante quanto sofferta.

PAGELLE CROTONE

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Crotone

Cordaz 6 – La coppia Ceccherini-Ajeti gli regala un sereno pomeriggio da spettatore. Si disimpegna bene in uscita con qualche presa alta in totale sicurezza.

Sampirisi 6 – Tenta qualche sortita offensiva ma la parte fondamentale la fa in fase d’interdizione: blinda la corsia esterna seppur con qualche trascurabile incertezza.

Ajeti 7 – Meggiorini lo costringe ad un’ammonizione in avvio che non condiziona affatto la sua prestazione: sale in cattedra regalando a Budimir il gol del vantaggio e lavora egregiamente in fase difensiva. Pellissier non riesce mai ad anticiparlo e Ceccherini trae giovamento dalla sua sicurezza. Concreto.

Ceccherini 6,5 – Il Chievo non punge particolarmente ma, consapevole di avere le spalle coperte da Ajeti, si concede qualche uscita in anticipo e si dedica alla fase di ripartenza.

Martella 6,5 – In fase difensiva non ha una grande mole di lavoro da svolgere e, dunque, riesce a dedicarsi con grinta e corsa alla fase offensiva. Se il Chievo non riesce a spingere dalla sua parte, è merito suo.

Rohden 6 – Libero da compiti d’impostazione, si limita a creare densità in mezzo al campo. Questo suo approccio, seppur poco appariscente, mette in difficoltà Radovanovic che perde spesso la bussola.

Mandragora 6,5 – Il metronomo scuola Juventus, nonostante la giovane età, pensa da veterano e questo è il suo grande pregio e difetto: saggiamente non perde mai la palla ma, talvolta, pecca di iniziativa e non tenta mai la verticalizzazione.

Barberis 6 – Spalleggiato da Rohden e Mandragora, trova la situazione ideale per gestire con tranquillità ogni pallone. Svolge un compitino semplice più per merito dei suoi compagni di reparto che per demeriti degli avversari.

Trotta 6 – La caparbietà con la quale prova ad incunearsi nella retroguardia clivense è encomiabile. Non riesce a trovare lo spunto giusto ma non fa mai mancare il suo fondamentale apporto alla manovra offensiva.

Budimir 6,5 – L’ariete pitagorico non fa moltissimo per cambiare le sorti della gara. A tratti sembra svogliato e spreca diversi suggerimenti dei compagni. Nonostante ciò, ha il pregio di trovarsi nel posto giusto al momento giusto e realizza il gol dell’1-0.

Stoian 6,5 – In avvio di gara, scalda i guantoni di Sorrentino con una velenosa conclusione dal limite. È l’uomo di maggior qualità tra i pitagorici e si mette a disposizione dei compagni. Arriva stremato a fine partita.

Tonev 6 – Rileva un ottimo Trotta ma, per quanto sia palese il suo impegno, è costretto a limitarsi in fase offensiva a causa del gagliardo forcing clivense che ha contraddistinto la fase del suo ingresso in campo.

Aristoteles S.V.

Simy S.V.

Pagelle a cura di Francesco Quaranta

PAGELLE CHIEVO

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Chievo

Sorrentino 6,5 – Stoian in avvio lo chiama subito in causa per disinnescare un destro velenoso dal limite, da lì in poi mantiene alta la concentrazione e non sbaglia nulla, tenta vanamente di dirigere la propria retroguardia che, tuttavia, lo abbandona sovente.

Cacciatore 5,5 – Da lui ci si aspetta uno stile di gioco decisamente più propositivo e votato all’attacco. Non riesce ad incidere ma, effettivamente, i compagni non lo cercano mai coi tempi giusti.

Dainelli 5,5 – Dall’alto della sua esperienza, coadiuva Sorrentino nella direzione della difesa: teoricamente, l’intenzione c’è, in pratica si perde Budimir un po’ troppo spesso.

Gamberini 5,5 – Quest’oggi appare spaesato, in fase difensiva prestazione assimilabile a quella di Dainelli, in impostazione tende spesso a tergiversare palla al piede e non consente ai centrocampisti di far ripartire velocemente l’azione.

Gobbi 5 – Non è più quello di un tempo e la situazione attuale delle cose appare evidente quando si tratta di costruire l’azione: si fa vedere pochissimo e, quando chiamato in causa, risponde assente. Desaparecido.

Rigoni 5,5 – Parte abbastanza bene, sradicando qualche pallone importante dai piedi di Mondragora. Col passare dei minuti cala notevolmente in intensità e vigore fino ad eclissarsi.

Radovanovic 5,5 – Il metronomo clivense, quest’oggi, non riesce proprio a tessere trame interessati per la sua squadra. Prova parzialmente a rifarsi con qualche velleitario tentativo da calcio piazzato ma non basta.

Bastien 5 – Il talentino belga denota una spiccata scioltezza nel trattare la palla che, tuttavia, collide con la pochezza che riesce a creare. Finisce col perdere la pazienza a causa della mancanza di sbocchi e porta a casa un cartellino giallo.

Birsa 5,5 – È l’uomo in più del Chievo, eppure si adagia sui ritmi soporiferi dettati dal Crotone. Quando prova a mettersi in proprio, Ajeti è bravo a render vano ogni suo tentativo. Soggiogato.

Inglese 6 – Per quanto la retroguardia pitagorica riesca a rendergli la vita molto difficile, non si perde d’animo e, oltre a dettare movimenti in profondità, offre interessati sponde per i compagni che arrivano a rimorchio.

Meggiorini 6 – La sua gara dura solamente 24′ minuti, per il Chievo è un peccato perché, dalle premesse, sembrava essere particolarmente ispirato. Non è un caso che la sua uscita dal campo coincida con l’ improvviso abbassarsi del baricentro clivense.

Pellissier 5,5 – Il suo carisma è certamente un fattore che incide sul morale della squadra, tuttavia oggi non riesce a sostituire degnamente Meggiorini e si lascia imbrigliare da Ajeti. Disinnescato.

Pucciarelli  5,5 – Rileva Rigoni per conferire alla squadra un’identità spregiudicata. Cerca più volte il fraseggio stretto ma finisce col perdersi tra le maglie pitagoriche.

Hetemaj 6 – Viene gettato nella mischia per infoltire la mediana e guadagnare la superiorità numerica. Offre un contributo importante perché, col suo ingresso, il Chievo prende in mano il pallino del gioco. Pecca di iniziativa ma la sua prestazione è comunque positiva.

Pagelle a cura di Francesco Quaranta

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy