Pagelle Spezia – Atalanta 0-0: nerazzurri spreconi esaltano Provedel! – Voti Fantacalcio

Il portiere dello Spezia esce da migliore in campo nel match contro gli uomini di Gasperini

di Voti Fantamagazine

Mancava un risultato positivo contro una squadra affermata e per questo c’era molto attesa e fiducia tra i padroni di casa. Alla fine arriva un sospirato punto, frutto di una prestazione dagli alti toni agonistici supportata dalle parate di Provedel nel momento di massima sofferenza. Lo Spezia parte forte i primi minuti, colpisce un palo per poi abbassare il baricentro a causa del solito pressing attuato dalla formazione di Gasperini. L’Atalanta ci prova per tutto il primo tempo, ma lo sforzo si conclude anche in questo caso con un legno, questa volta colpito da Zapata. Reagisce lo Spezia nella ripresa e con una squadra ridisegnata dai cambi di Italiano cerca il colpaccio per poi concedere molto nel finale. Provedel però abbassa la saracinesca al momento giusto e il risultato non si sblocca dallo 0-0.

PAGELLE SPEZIA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Spezia

Provedel 7.5 – La prestazione sarebbe stata ottima anche senza le strepitose parate dell’ultima mezz’ora. Sicuro, reattivo negli anticipi e preciso palla al piede.

Vignali 6 – Nonostante qualche affanno non sfigura all’esordio in serie A. L’Atalanta spinge molto su quella fascia.

Erlic 6.5 – Sbroglia le situazioni più spinose prendendosi qualche rischio con ripetute giocate d’anticipo.

Terzi 6.5 – Il più delle volte si fa trovare al posto giusto al momento giusto e ricorre al fallo intelligente quando serve.

Bastoni 6 – Fa buona guardia spingendosi in avanti solo in situazioni di sicurezza.

Ricci 6 – Punto di riferimento a centrocampo, ma è costretto ad indietreggiare di parecchi metri per impostare l’azione.

Estevez 5.5 – Si perde sempre sul più bello sbagliando le giocate più importanti. In mezzo al campo almeno è molto energico

Pobega 5 – Forse paga i riflettori puntati su di lui dopo le recenti ottime prestazioni o forse non era giornata. Tanti errori tecnici e non ha mai modo di rendersi pericoloso con gli inserimenti.

Gyasi 5.5 – Dirottato a destra questa volta non riesce a trovare la chiave per rendersi pericoloso.

Farias 5.5 – Pronti via e colpisce un palo. Ci riprova in seguito senza esito. Molte pause durante la partita.

Nzola 5.5 – Non riesce a impensierire gli avversari e solo nell’ultima mezz’ora comincia a vincere qualche duello contro i centrali orobici.

Maggiore 6.5 – Porta vivacità nella fase offensiva creando più di qualche grattacapo. Nel finale soffre insieme ai compagni.

Mattiello 5.5 – Forse non era l’avversario migliore per tornare in campo dopo il lungo infortunio. Spesso infatti è in ritardo contro Gosens e compagni.

Marchizza 5.5 – Non sfrutta a dovere gli spazi aperti sbagliando sempre il cross.

Chabot 6 – Entra subito in partita e si fa sentire nel momento di massima sofferenza.

Deiola 6 – Con una squadra ormai lunga non può fare molto in mezzo al campo se non Aiutare come può i compagni a conquistare un punto sofferto.

A cura di Valerio Sereni

PAGELLE ATALANTA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Atalanta

Gollini 6 – Lo Spezia ha due occasioni importanti in avvio di gara, ma Gollo non può intervenire in nessuno dei due casi: una palla finisce sul palo, l’altra in curva. Nel resto della partita resta a guardare.

Toloi 6 – Solita affidabilità per il brasiliano, che offre una prestazione senza particolari sbavature. Come ormai Gasp gli chiede da anni, offre il suo contributo anche in fase di transizione e supporta la manovra con varie sortite offensive (suo il cross nell’azione del gol annullato a Gosens).

Romero 6,5 – Il giovane centrale argentino riprende esattamente da dove aveva lasciato prima della sosta con un’ottima prestazione. La sua è una partita di garra, impreziosita da vari anticipi e dalle migliaia di carinerie che si scambia con Nzola.

Palomino 6 – Partita senza infamia e senza lode per il Palo. Nel primo tempo Gasp prova a creare gioco dal suo lato di competenza, e lui prova anche a fornire qualche imbucata ai compagni davanti. Al 36’ intercetta un pericoloso filtrante di Farias (che avrebbe messo il compagno davanti a Gollini) ma lo fa sulla scia di un movimento potenzialmente sanguinoso, e in maniera più fortunosa che altro.

Depaoli 5,5 – Scampoli di partita per l’esterno bergamasco che esce al 20’ per problemi all’adduttore. Nel poco tempo a disposizione, tuttavia, non sembra ancora pronto per entrare nelle rotazioni: dal suo lato nascono infatti le due occasioni pericolose in avvio di Farias.

De Roon 6 – Solita quantità in mezzo al campo per il centrocampista olandese. Quando c’è da tamponare, tampona; quando c’è da sostenere, sostiene. Come al solito, non gli si può chiedere di inventarsi giocate decisive, ma il suo lo fa con costanza.

Pessina 6 – Lui, a differenza di Depaoli, sembra voler convincere Gasperini delle sue qualità e parte concentrato: fa ottimo filtro a centrocampo e sbriglia un paio di situazioni potenzialmente complicate. Nella ripresa cala, rimediando anche un giallo per il nervosismo, ma complice la penuria di veri centrocampisti centrali nella rosa della Dea saprà ritagliarsi più di uno spazio.

Gosens 6,5 – Gasperini prepara la partita puntando forte sui suoi inserimenti: nel primo tempo, infatti, il tedesco si infila costantemente negli spazi liberati da Zapata (che viene infatti spesso a decentrarsi a sinistra) e la strategia risulterebbe vincente a metà frazione se il pallone non capitasse però sul suo piede sbagliato, finendo in curva. Nella ripresa, oltre a indovinare due assist per un Pasalic sprecone, trova un gol che in serie A sono capaci di fare probabilmente soltanto lui e Theo Hernandez, ma gli viene annullato per un millimetrico fuorigioco di Zapata.

Gomez 6 – Parte basso, e bene, facendo il regista e orchestrando tutte le azioni atalantine. Non fa però in tempo a incidere, essendo costretto ad uscire all’intervallo in seguito a qualche botta.

Ilicic 5,5 – Cerca di recuperare la condizione migliore provando a mandare in rete i compagni ma, quando non è poco incisivo o troppo lezioso, è sfortunato: sul finire del primo tempo trova una palla interessante per Zapata, ma il colombiano colpisce il palo; intorno al 70’ della ripresa serve Lammers in buona posizione, ma Provedel nega la rete all’olandese; all’83’, nell’azione prima di uscire, trova un buon corridoio per Pasalic che né il croato prima né Gosens poi riescono a trasformare nel gol della vittoria. Troppo, troppo poco per le qualità che ha, ma meglio delle ultime uscite.

Zapata 6 – Gasperini, specialmente nel primo tempo, gli chiede di non occupare l’area di rigore e lui si defila spesso, lasciando spazio agli inserimenti dei compagni. Battaglia con tutta la difesa dello Spezia, ma non riesce a determinare nonostante due buone occasioni: in un caso è anticipato da Erlic, nell’altro centra il palo. Spizzerebbe poi la palla in maniera decisiva per il gol di Gosens, ma è – suo malgrado – in fuorigioco (probabilmente di una treccina, o poco più). Esce al 66’ per la stanchezza accumulata in nazionale.

Piccini 5 – Entra per sostituire Depaoli. Inciampa su sé stesso sbagliando qualsiasi cosa. Esce sostituito da Sutalo dopo sessanta minuti.

Pasalic 5,5 – Entra ad inizio ripresa per rilevare il capitano e agisce da finto trequartista, nella posizione nella quale si era distinto lo scorso anno. Inizialmente sparisce, toccando pochissimi palloni e in maniera poco determinante. Nel finale, però, ha due occasioni nitide su assist di Gosens ma calcia debolmente (una volta col destro e l’altra col sinistro) in entrambi i casi.

Lammers 5,5 – Pronti, via. Occasione per l’olandese che è bravo a sfruttare un suggerimento di Ilicic ma trova l’ottima risposta di Provedel. Da lì in avanti, pressoché un fantasma: non riesce a trovare il dialogo con i compagni e appare deconcentrato.

Sutalo SV

Miranchuk SV

Pagelle a cura di Salvatore Iacolare

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy