Pagelle Spal – Bologna 1-3: i rossoblu ribaltano il derby emiliano con Barrow e Poli

Petagna illude la Spal, al Mazza di Ferrara vince il Bologna grazie all’autorete di Vicari e ai sigilli di Barrow e Poli.

di Voti Fantamagazine

Game over al Mazza. Il Bologna ribalta la Spal aggiudicandosi il derby emiliano con il punteggio di 1-3. Petagna porta in vantaggio i padroni di casa, la reazione felsinea non si fa attendere con il pareggio immediato causato dall’autorete di Vicari. Arrotondano il punteggio Barrow e Poli che chiudono la pratica nella ripresa.

PAGELLE SPAL

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Spal

Berisha 7 – Miracoloso su Santander nel primo tempo, si ripete nella ripresa su Soriano lanciato a rete. Ultimo a mollare di una retroguardia troppo ballerina. Sui goal subiti può davvero poco.

Cionek 5 – Primo ammonito del match, è l’anello più debole della difesa disegnata da Semplici: errore da matita blu alla mezzora quando praticamente mette davanti alla porta Santander con Berisha costretto agli straordinari. Esce all’intervallo.

Vicari 5 – Sfortunato in occasione dell’autogoal quando per evitare interventi degli attaccanti avversari fulmina con un tocco sottoporta Berisha. In difficoltà nella ripresa con l’inserimento dello sgusciante Barrow.

Igor 5,5 – Del terzetto difensivo è quello più sicuro. Esce spesso palla al piede e, in generale, anche aiutato da Reca riesce a controllare Orsolini, il potenziale pericolo dei felsinei.

Strefezza 5 – Lascia troppo solo Cionek in fase di non possesso ed è troppo egoista negli ultimi metri, provando insistentemente il tiro dalle posizioni più improbabili. Raramente solletica Skorupski, in una sola occasione sfiora i legni difesi dal portiere polacco.

Dabo 5,5 – Buon inizio, in cui si propone spesso in fase avanzata sostenendo la manovra con costanza. Cala nella ripresa anche se l’ultima emozione del match la provoca una sua conclusione dalla distanza.

Missiroli 6 – Va subito vicino al goal ad inizio : la sua conclusione, deviata da Paz, fa quasi esultare i tifosi ferraresi. Per il resto prova ordinata del metronomo spallino.

Valoti 5 – Sarà il giallo dopo pochi minuti (diffidato, salterà la Lazio), ma l’estroso centrocampista sparisce facilmente dal match. Non riesce a dare le giuste distanze al reparto ed è inefficace in fase offensiva.

Reca 6,5 – Bella prova dell’esterno mancino che conferma l’ottimo momento di forma. Sfiora il goal del 2-1 ma Tomiyasu gli strozza in gola l’urlo di gioia.

Petagna 6,5 – Sblocca il match rimanendo glaciale dagli undici metri. Come Valoti, salterà anche lui la Lazio (era in diffida) ma a differenza del centrocampista rimane nel match, provando più volte ad impensierire la retroguardia avversaria. In un’occasione Skorupski si deve superare.

Di Francesco 6 – Ha il merito di guadagnarsi il rigore che sblocca il match. Peperino, si muove tra le linee impegnando in più circostanze il già ammonito Paz. Sfiora il goal su punizione ma Skorupski fa buona guardia.

Bonifazi 5 – All’intervallo rileva Cionek esordendo nuovamente con la maglia della Spal dopo le precedenti due esperienze. Si presenta ai suoi nuovi/vecchi tifosi con un clamoroso errore in uscita su cui Berisha mette una pezza. Nel finale avanza il raggio d’azione in maniera confusionaria.

Paloschi 5,5 – Gettato nella mischia per provare a cambiare il match, l’ex Milan non riesce ad essere affatto pericoloso.

Floccari sv – Entra nelle battute finali a gara praticamente compromessa.

A cura di Mario Ruggiero

PAGELLE BOLOGNA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Bologna

Skorupski 6 – Non può nulla sul penalty di Petagna, risponde presente sulla punizione di Di Francesco e sulla conclusione dell’onnipresente attaccante della Spal.

Tomiyasu 6,5 – Sempre pulito e ordinato nella gestione della sfera, ha il merito di salvare sulla linea una conclusione a colpo sicuro di Reca.

Danilo 6 – Petagna non è un cliente facile. Prova a metterci esperienza e cattiveria agonistica supportando, specialmente, il semi-esordiente Paz.

Paz 5,5 – Terza presenza in campionato per il centrale italo-argentino che provoca ingenuamente il rigore per la Spal ma ha il merito anche di sfiorare in più circostanze la rete. Rischia spesso la seconda ammonizione.

Mbaye 6 – Stefezza si auto-annulla, dunque il terzino riesce a offrire una gara equilibrata sostenendo le avanzate dei compagni.

Poli 7 – Chiude la pratica con il goal che suggella la rimonta rossoblu. Uomo ovunque del centrocampo felsineo.

Schouten 6,5 – Non ruba l’occhio, ma sicuramente è il faro della mediana emiliana e mostra una grande personalità in una gara tutt’altro che semplice.

Orsolini 6 – Ha tanti buoni spunti, ma sia Igor che Reca sono francobollati al talentuoso calciatore scuola Ascoli che chiude anzitempo il match anche per via di un giallo evitabile.

Soriano 7 – Gara sontuosa del centrocampista ex Torino. Produce un goal… e mezzo. La sua conclusione viene deviata da Vicari, beffando qualsiasi tipo di intervento di Berisha. Suggella l’assist per il definitivo 1-3 di Poli.

Palacio 6 – Arretra il baricentro a causa dell’essenza di Sansone. Pur non avvicinandosi alla porta, el Trenza, a pochi giorni dai 38 anni, riesce ad essere efficace per i suoi compagni che nei momenti di difficoltà si affidano alla sua esperienza.

Santander 5 – Legnoso, si mangia un goal abbastanza elementare davanti a Berisha. E’ un punto di riferimento che cozza con gli esterni rapidi del trio offensivo rossoblu.

Barrow 7 – Alla seconda presenza in rossoblu riesce subito a timbrare il cartellino, tra l’altro con un bellissimo goal che ribalta definitivamente l’inerzia del match.

Skov Olsen 6 – Ha un po’ di minutaggio ma entra in una fase del match in cui la sfida era già indirizzata a favore dei suoi compagni di squadra. Qualche spunto e leziosismo, ma deve ancora dimostrare tutto il suo potenziale. Magari basterebbe essere più cattivo sottoporta.

Svanberg sv – Entra nel finale, esalta i riflessi di Berisha con una conclusione dalla distanza.

A cura di Mario Ruggiero

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy