PAGELLE LAZIO - SALERNITANA

Pagelle Lazio – Salernitana 3-0: tris biancoceleste con Immobile, Pedro e Luis Alberto – Voti Fantacalcio

ROME, ITALY - NOVEMBER 07: Luis Alberto of SS Lazio celebrates after scoring the third goal of his team with his teammates during the Serie A match between SS Lazio v US Salernitana on November 07, 2021 in Rome, Italy. (Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images )

Le pagelle di Lazio - Salernitana (3-0) redatte dalla redazione di Fantamagazine.com

Voti Fantamagazine

La Lazio ospita la matricola Salernitana e domina una partita in cui i granata hanno offerto poco, al netto di due sfortunati legni (traversa per Djuric e palo per Ribery). Alla mezz'ora del primo tempo è Ciro Immobile ad aprire le danze su assist di Pedro. Lo spagnolo si rende protagonista cinque minuti dopo siglando il raddoppio.

Nella ripresa Colantuono toglie subito un deludente Simy in favore di Djuric, venti minuti dopo entra Gondo per Bonazzoli. I granata però non trovano la rete e al '69 Luis Alberto sigla il terzo gol con un autentico colpo da biliardo.

PAGELLE LAZIO

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Lazio

REINA 6 - Spettatore non chiamato in causa, soprattutto nel primo tempo. I granata praticamente non tirano in porta se non per due sfortunati legni.

HYSAJ 6,5 - Schierato a destra, Ranieri non spinge a dovere su quella corsia e l'albanese ha quindi vita facile. Spinge in fase offensiva e dialoga bene con Felipe Anderson.

ACERBI 6 - Partita diligente, elegante e non complessa. Del resto tutta la retroguardia laziale non è stata particolarmente impensierita in questo match.

LUIZ FELIPE 6 - Ex della partita, offre una prestazione attenta e senza sbavature. Pochi pensieri anche per lui, vale lo stesso discorso fatto per Acerbi. PATRIC (dal '73) - Gestisce bene senza difficoltà ed errori. Entra dopo il 3-0, oramai la partita è in ghiaccio.

MARUSIC 6 - Anche lui poco impensierito da Zortea. Buono il dialogo con Pedro, non si propone particolarmente in avanti ma fa più una partita di sostanza.

MILINKOVIC-SAVIC 6,5 - Presenza assoluta tra linea mediana e trequarti. Fa partire il cross (allungato da Pedro) per la rete di testa di Immobile. Gli è mancato il bonus ma ha offerto un'altra ottima prestazione. BASIC (dal '78) - SV

CATALDI 6,5 - Si è preso il posto da titolare a discapito di Lucas Leiva. Solido, propositivo, disegna ottime trame per i compagni. Un paio di errori in impostazione non macchiano la sua più che positiva partita. LEIVA (dal' 78) - SV

LUIS ALBERTO 7,5 - Dopo le perplessità esplicitate da Sarri ultimamente, lo spagnolo sembra definitivamente salito in cattedra. Sta crescendo e gioca una gran partita in cui ha cercato più volte la rete. Ha il merito di segnare il terzo gol con un bel colpo da biliardo.

FELIPE ANDERSON 6,5 - Sicuramente non la sua migliore partita. Si accende a tratti mentre altre volte appare spento, stanco. Offre la palla a Luis Alberto in occasione del terzo gol. ZACCAGNI (dal '86) - SV

IMMOBILE 7 - Decimo gol in campionato, sono 161 reti con la maglia della Lazio. Pericoloso ma anche intelligente, sa attaccare ma giocare anche per la squadra. Bello il gol di testa trovando l'angolo in cui Belec non può arrivare.

PEDRO 7,5 - Pimpante, sempre nel vivo del gioco e costantemente pericoloso. Bravo nel sfruttare l'indecisione di Gyomber e a trasformarla nella seconda rete della Lazio. Ha anche il merito di assistere Immobile nel primo gol.

Pagelle a cura di Giuseppe Pignataro

PAGELLE SALERNITANA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Salernitana

Belec 6 - Chiude bene su Milinkovic-Savic dopo pochi minuti. Esente da colpe sulle tre reti della Lazio, con Immobile, Pedro e Luis Alberto abili nel cercare la soluzione più lontana dalla posizione del portiere sloveno.

Zortea 5,5 - Il terzino cresciuto nelle giovanili dell'Atalanta produce ottime discese sulla fascia. Ormai sta acquisendo certezze diventando, gara dopo gara, abbastanza sicuro nelle letture in fase difensiva e offensiva. Complice, con Gyomber, della frittata del 2-0 con un retropassaggio avventato.

Gyomber 4 - Ammonito dopo pochi minuti, inizia bene con gran piglio e concentrazione ma poi la sua gara diventa un incubo. Regala letteralmente la sfera a Pedro sul 2-0, sul tris biancoceleste è troppo molle: la conclusione di Luis Alberto gli passa sotto le gambe.

Strandberg 5 - Con la difesa a 4 è come se avesse perso dei riferimenti. Meno sicuro e deciso sulle scelte, non contrasta bene Immobile in alcune situazioni dove viene superato con estrema facilità.

Ranieri 5,5 - Nel complesso contiene bene le avanzate degli esterni d'attacco disputando una gara ordinata e contrastando con gran personalità alcune proiezioni di Felipe Anderson. Sulla rete del vantaggio, però, va fuori fase e non evita l'imbeccata del brasiliano che serve ottimamente Milinkovic-Savic sulla corsa.

Schiavone 5,5 - Fa quel che può cercando di barcamenarsi tra le tante maglie biancocelesti. L'impegno non manca, non supporta, però, in fase offensiva i compagni di squadra lasciando spesso Bonazzoli da solo nel deserto.

Di Tacchio 5 - Il centrocampo della Lazio viaggia ad un'altra velocità di pensiero e di movimenti. Il mediano granata viene facilmente inghiottito sulla trequarti senza possibilità di contrastare al meglio le sortite offensive avversarie.

Obi 5 - Rileva lo squalificato Kastanos. Dovrebbe donare esperienza e gamba alla mediana granata, ma in realtà è spesso fuori ritmo venendo sistematicamente saltato dalla trequarti biancoceleste. Si perde Milinkovic-Savic in occasione dell'1-0 e nella ripresa rischia anche la doppia ammonizione con un contrasto energico.

Ribery 6,5 - Un po' meno brillante rispetto alle precedenti gare, ma ha la forza di creare sempre qualcosa di positivo. Suo l'assist per Djuric che stampa la traversa con un colpo di testa, suo il palo sul 2-0: un tiro che poteva riaprire il match. Imprescindibile.

Bonazzoli 6 - Partenza fulminante, è molto ispirato e guadagna diversi falli (con tanto di giallo per Cataldi). Gioca però troppo lontano dalla porta e, dunque, produce pochi pericoli all'attenta difesa biancoceleste che chiude senza troppi patemi alcune sue discese sulla trequarti anche perché poco supportato da Schiavone.

Simy 5 - Impalpabile. Sempre anticipato dalla difesa biancoceleste, perde una miriade di palloni e non fa mai salire la squadra. Rimane negli spogliatoi all'intervallo.

Djuric 6 - Entra e coglie subito una clamorosa traversa. Altra verve rispetto a Simy, cerca di scuotere i compagni andando sistematicamente in pressing. Non sarà educato con i piedi, ma quantomeno prova a impensierire la difesa biancoceleste con la sua mole fisica.

Gondo 6 - Volenteroso. Mette centimetri e chili in attacco facendo sentire la presenza ai difensori avversari anche con qualche contrasto duro. Dopo pochi istanti dal suo ingresso ci prova con una conclusione volante... da dimenticare.

Lassana Coulibaly 6 - Ritorna in campo dopo oltre un mese. Fare meglio di Obi, onestamente, era facile. E il centrocampista maliano lo fa senza grossi problemi. Recupero importante in vista delle prossime gare di campionato.

Veseli SV

Kechrida SV

Pagelle a cura di Mario Ruggiero

 

tutte le notizie di