Pagelle Inter – Fiorentina 4-3: pazza Inter che rimonta e vince con il gol partita di D’Ambrosio

di Voti Fantamagazine

Seppur non piaccia ad allenatore e dirigenza, una partita d’esordio da Pazza Inter. A San Siro i nerazzurri, infatti, si rendono protagonisti di una tanto roboante quanto rocambolesca vittoria per 4-3 su una sfortunatissima Fiorentina che è in grado di tenere l’Inter sotto scacco per circa novanta minuti, grazie anche e soprattutto a una prestazione assoluta di Ribery, ma che non è stata in grado di chiudere la partita.

PAGELLE INTER

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Inter

Handanovic 6 – 3 gol subiti senza avere gravi colpe e una prestazione nel complesso sufficiente anche se lo ha visto protagonista in una sola occasione nel primo tempo su Kouamé.

D’Ambrosio 6.5 – L’impressione è che i giocatori Viola ne abbiano di più e che Biraghi e Castrovilli possano dargli non pochi problemi, poi però, come ormai ci ha abituati, si trova al posto giusto al momento giusto e segna il gol vittoria per l’Inter.

Bastoni 5.5 – Il gol subito nei primi minuti è figlio di un’inesperienza che paga a carissimo prezzo. La sua prestazione finisce in crescendo, ma quando Ribery lo punta, come tutti, va nel pallone.

Kolarov 5 – Non una buona prima per l’esperto difensore ex Roma. Chiesa dal suo lato ha imperversato a tutta fascia, complice anche la scarsa propensione difensiva di Perisic.

Young 5 – Qualche buona chiusura non cancella le tante troppe indecisioni che lo hanno portato a commettere diversi errori banali alcuni dei quali anche gravi.

Barella 7 – Anche quando l’Inter soffre, lui è sempre lì, a combattere su ogni singolo pallone e trova i compagni con grande facilità: vero e proprio tuttocampista.

Brozovic 5 – Spento, svogliato e praticamente inesistente davanti alla difesa. Con Eriksen non sembra esserci un grande feeling calcistico e alla fine è la difesa a pagarne le conseguenze.

Perisic 5 – Parte male, anzi malissimo. Fuori fase, non sembra in grado di capirsi con i compagni. Nel finale di primo tempo sembra poter ritrovare i ritmi giusti, ma nel secondo tempo finisce per spegnersi.

Eriksen 5 – L’Inter sta cambiando forma per dargli la possibilità di esprimersi al meglio, ma lui continua a deludere. Aspettarlo si sta facendo sempre più difficile e non gli rimangono molte chance.

Lautaro 7 – Parte male, troppo lezioso, ma sul finire del primo tempo si ritrova con un tiro imparabile che riporta l’Inter nel match e a trovare il tiro che deviato da Ceccherini porta l’Inter momentaneamente in vantaggio all’inizio del secondo tempo.

Lukaku 6 – Il lavoro spalle alla porta, fondamentale, non lo sbaglia mai. Sotto porta, invece, sembra mancare di lucidità, ma alla fine è bravo a trovare il pareggio.

Sensi 6.5 – Torna in campionato e lo fa bene. Fa sfigurare il ben più noto compagno danese, fornendo una prestazione più che sufficiente.

Hakimi 6.5 – Esordio con assist nel secondo tempo. Ci mette ben pochi minuti ad ambientarsi e a mandare un messaggio al mister.

Vidal 6 – Appena arrivato a Milano e subito in campo a cercare di ribaltare una partita pazza. Non ha il tempo di incidere, ma ci prova.

Nainggolan 6 – Ritorno inaspettato quello del Ninja che non ha ancora trovato il suo ruolo in questa Inter.

Sanchez 6.5 – Ricomincia così come aveva finito la passata stagione, andando a mille all’ora, e alla fine trova anche un assist.

PAGELLE FIORENTINA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Fiorentina

Dragowski 6.5 – Dopo un primo tempo sfortunato nel quale prende un gol al primo tiro in porta degli avversari. Nel secondo viene spesso chiamato in causa ed è anche bravo, ma l’Inter trova con più intensità la porta e alla fine è costretto ad arrendersi.

Milenkovic 6 – Difficile capire dove comincino i suoi meriti e dove i suoi demeriti. In più di una situazione è bravo a leggere le intenzioni degli avversari e a chiudere tutti gli spazi, ma nel finale di partita si spegne come tutti i compagni. Avrebbe meritato qualcosa in più, ma il risultato finale lo penalizza.

Ceccherini 5 – Sfortunato, anzi sfortunatissimo in occasione dell’autogol, la sua partita è costellata di alti e di bassi, di chiusure quasi geniali e di dormite colossali. Alla fine un paio dei suoi errori condizionano non di poco il risultato finale del match.

Caceres 6 – Per lui vale quanto detto per Milenkovic. Forse non meriterebbe tanto di più, ma nel primo tempo il suo intervento su Lautaro su cui in un primo momento viene assegnato rigore all’Inter (poi tolto dal VAR) è istinto puro, ma anche perfezione d’esecuzione.

Chiesa 7 – Prima ancora che offensivamente, oggi è in fase di copertura a tutta fascia che dà il meglio di sé. Il gol del 2-3 è solo la ciliegina sulla torta.

Bonaventura 6.5 – Bella partita dell’ex Milan che sembra giocare nel centrocampo viola da una vita. Conosce a memoria i movimenti dei compagni e li trova con grande facilità.

Amrabat 6 – I primi 80 minuti di questa partita sarebbero da incorniciare. Ovunque in campo, tanto bravo a difendere quanto a impostare. Gli ultimi dieci minuti di partita, però, sono da incubo.

Castrovilli 6.5 – In costante crescita, Castrovilli sembra non intenzionato ad arrestare la sua scalata nelle gerarchie dei migliori centrocampisti della Serie A. Tecnica e ingegno al servizio di una Fiorentina bella da vedere per quasi tutti e novanta i minuti di partita.

Biraghi 6 – Parte molto bene, mettendo in difficoltà sia Young che D’Ambrosio, ma finisce per sparire dal campo con il passare dei minuti.

Ribery 8 – Il solito leader offensivo. Crea spazi e linee di passaggio per sfruttare tecnica e velocità dei compagni, costringendo la difesa nerazzurra agli straordinari, seppur con scarsi risultati: oggi sarebbe in grado di mandare in porta chiunque.

Kouamé 6.5 – Semplicemente indemoniato. Corre a più non posso e, al di là del gol, crea non pochi grattacapi alla difesa interista. Ottima prestazione.

Borja Valero 6 – Entra per dare maggior equilibrio alla manovra ed è molto bravo in questo, ma quando si tratta di difendere il risultato, non è in grado di incidere.

Vlahovic 4 – Sbagliare può capitare a chiunque, anche a questi livelli, ma gli errori, più sono pesanti e più si pagano. Ha sui piedi l’occasione per mandare sul 2-4 la Fiorentina e la spreca malamente. Prestazione da dimenticare.

Lirola 5.5 – Al suo ingresso perde un pallone velenosissimo. Perisic non gli crea grossi problemi, ma soffre come tutti i compagni nei minuti di assalto finale.

Cutrone SV

 

Pagelle a cura di Giovanni Sichel

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy