Listone Gazzetta: quali ruoli sono cambiati?

Listone Gazzetta: quali ruoli sono cambiati?

Andiamo a vedere quali sono i principali cambiamenti della rosea nella modalità classica.

di Andrea Riefolo, @Andrea_Rie2

Con l’uscita delle liste, inizia ufficialmente la stagione fantacalcistica di tutti noi “fanta-malati”. Andiamo a vedere i cambi di ruolo più significativi della lista tradizionale della Gazzetta dello Sport rispetto l’anno scorso, cambi che magari hanno stravolto le nostre strategie di inizio estate.

Le note negative

La maggior parte delle modifiche possono essere considerate svantaggiose fantacalcisticalmente parlando, tra tutte il passaggio di Menez e Vazquez da centrocampo in attacco. Il primo l’anno scorso ha chiuso la stagione con 16 gol e una fantamedia del 7,29, quest’anno da attaccante perde tantissimo appeal, visto anche il ruolo di secondo piano che sembra voglia dargli Mihajlovic. Vazquez, che tanto aveva fatto gioire i suoi fantapossessori l’anno scorso con 10 gol e 7 assist, quest’anno non può che essere considerata una modesta quarta punta (a partire dalle leghe a 8). Altri cambi di ruolo “dolorosi” sono quelli di Ilicic e Iago Falque, ex centrocampisti divenuti ora attaccanti. Ilicic, da attaccante, non è detto che valga il rischio dell’acquisto, visti i tanti alti e bassi che ha durante la stagione, Iago Falque non viene solo ridimensionato dal ruolo diverso, ma anche dalle difficoltà che potrebbe avere nell’ambientamento a Roma. Tra le novità secondarie abbiamo il passaggio da centrocampisti ad attaccanti di Biabiany, M’Poku, Pucciarelli e Coman.

Le note positive

Passiamo ora alle due note positive: Antonelli e Widmer. Entrambi passano da centrocampisti a difensori, quindi, mentre l’anno scorso venivano acquistati per lo più per riempire il centrocampo di titolari, quest’anno diventano dei veri e propri top del reparto difensivo, viste le loro doti offensive e soprattutto le loro ottime medie in ottica modificatore.

Più note negative che positive quindi, ma niente paura, siamo pronti per lo studio matto e disperato che ci porterà all’attesissima asta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy