Torino, le ultime di formazione: Iago Falque verso la panchina, ballottaggio serrato tra i terzini

In attesa delle formazioni ufficiali, ecco le ultime dritte in casa Torino nell’undici che affronterà stasera la Juventus

di Claudio Cutuli, @cutuli4
Iago Falque Torino 2018

Si avvicina a grandi passi il derby della ”Mole” tra Torino e Juventus, in programma alle ore 20:30 allo stadio ”Olimpico – Grande Torino”. La truppa di Mazzarri tenterà di fermare la corsa della capolista, anche se dovrà fare i conti con alcune defezioni importanti: Iago Falque va verso la panchina dal 1′, mentre sugli esterni De Silvestri e Ansaldi dovrebbero spuntarla su Aina.

SITUAZIONE TERZINI: CHI GIOCA TRA ANSALDI, DE SILVESTRI E AINA?

La sensazione, come ribadito precedentemente, è che De Silvestri e Ansaldi partiranno dal 1′, con Aina che subentrerà nel secondo tempo per l’argentino. Mazzarri ha fatto velatamente capire in conferenza che l’ex Inter non ha i 90′ nelle gambe e che la staffetta è più di un’ipotesi. Quindi il consiglio, per chi volesse schierare sia De Silvestri che Ansaldi, è quello di coprirsi con un titolarissimo in panchina, onde evitare spiacevoli sorprese. E’ una gara dove gli esterni granata possono comunque ben figurare, quindi assolutamente schierabili anche al cospetto di una grande squadra come la Juventus.

CAPITOLO ATTACCO: IAGO FALQUE PIU NO CHE SI, OCCHIO A SORIANO

Iago Falque stamani ha sostenuto il provino decisivo, avvertendo ancora qualche dolore muscolare. Le sue possibilità di partire dal 1′ calano drasticamente ora dopo ora e non è neanche detto che possa subentrare a gara in corso. Il nostro consiglio, a questo punto, è quello di metterlo in panchina per attaccanti che possano giocare tutti i 90′, anche se meno blasonati.

Chi giocherà al suo posto? Da più parti si parla di Zaza come sostituto naturale, è corsa a due tra lui e Soriano (che sarebbe più adatto nel contesto). Con Zaza e Belotti il gioco offensivo è stato praticamente pari a zero: plausibile che proprio Soriano venga preferito dal 1′ per avere maggiore equilibrio in mediana, e le sue chance di portare almeno il voto a casa crescono.

Zaza, come ampiamente scritto dai nostri esperti, è comunque una possibile sorpresa, da schierare con la dovuta copertura, visto il grande feeling che ha nel segnare con facilità contro le sue ex squadre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy