“The American Dream”: Copa America Centenario 2016 #4

Pronti via, la Colombia vince contro gli Stati Uniti ed apre la crisi di Klinsmann che non è più ben visto dai media americani

di Riccardo Cerrone, @riki171980

CkEbXLFUgAApFE0Dallo Stadio di Santa Clara in California è arrivato il fischio d’inizio di questa Copa America Centenario. Lo stadio non era certamente gremito, ma l’affluenza non è stata così disastrosa come può sembrare dalle immagini. Al via una competizione importante, in cui le squadre delle Americhe si affronteranno a viso aperto, proprio come hanno fatto Stati Uniti e Colombia in questo match inaugurale della Copa.

COPA AMERICA CENTENARIO: LE PARTITE GIOCATE

STATI UNITI – COLOMBIA 0-2

Che gli Stati Uniti avessero dei problemi di gioco e soprattutto di natura tattica si era già visto nelle ultime apparizioni pre-Copa. Alla Colombia sono bastati 13 minuti per andare in vantaggio con un gol del milanista Cristián Zapata che, su calcio d’angolo, ha insaccato con un tiro al volo degno di un centravanti. La risposta americana è passata per i piedi di Clint Dempsey che non ha saputo sfruttare al meglio le occasioni che gli sono capitate. Nella ripresa i “cafeteros” hanno chiuso il match con un rigore calciato da James Rodriguez e potevano fare 0-3 con Carlos Bacca che è stato fermato soltanto dalla traversa.

COPA AMERICA CENTENARIO: GLI “ITALIANI” IN CAMPO

Apre la competizione con un gol pazzesco Cristian Zapata, il difensore centrale del Milan che sembra trovare più gloria all’estero che tra le fila dei rossoneri. Le prestazioni del roccioso difensore colombiano sono sempre convincenti in nazionale e a Milanello si interrogheranno certamente su quali possano essere le motivazioni. Preciso nelle chiusure, con un impatto importante sul gioco aereo, Zapata ha bloccato le scorribande dei ragazzi di Klinsmann. Certo, non è che Dempsey & Friends possano certo considerarsi un banco di prova importante, ma a coronare una buona prestazione, ecco un super gol.
Bene anche Carlos Bacca che sembra non risentire dei “malumori” legati ad un suo possibile addio al Milan, e gioca come suo solito “da condor dell’area di rigore” sfruttando la minima possibilità che gli viene concessa. 90 minuti per Cuadrado, impiegato come esterno alto in un 4-2-3-1 al fianco del capitano James Rodriguez. Bene l’interista Murillo.

COPA AMERICA CENTENARIO: OGGI PARLIAMO DI…

…della Nazionale di calcio degli Stati Uniti. A dispetto di quanto si possa pensare, la squadra ora allenata da Klinsmann, ha una tradizione piuttosto lunga che risale sino al 1885. Fu in quell’anno che la nazionale a stelle e strisce giocò, il 28 novembre, contro il Canada e fu sconfitta per 0-1 a Newark, New Jersey. Gli Stati Uniti ebbero la loro rivincita l’anno seguente quando sconfissero la selezione canadese 1-0, sempre a Newark.
Partecipò addirittura all’edizione dei Campionati del Mondo di Calcio del 1930 in Uruguay, tanto che ai suoi albori, la rappresentativa statunitense riscosse un buon successo, ma soltanto dalla metà degli anni novanta ha iniziato a riguadagnare prestigio internazionale e valore tecnico.

Ha vinto cinque volte la CONCACAF Gold Cup: 1991, 2002, 2005, 2007 e 2013, inoltre vanta 10 partecipazioni ai campionati mondiali, dove arrivò al terzo posto nel 1930. È una delle due nazionali (l’altra è la Corea del Sud) non appartenenti alla UEFA ed alla CONMEBOL, ad avere disputato la semifinale di un campionato del mondo.

La migliore posizione raggiunta nella Classifica mondiale della FIFA, in vigore da agosto 1993, è stata il 4º posto di aprile 2006; la peggiore è stata il 36º posto di luglio 2012. Al momento occupa il 34º posto della graduatoria. Non male per questi Yankees!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy