Spal, Semplici: “Dabo giocherà con il Milan, Di Francesco in panchina”

Spal, Semplici: “Dabo giocherà con il Milan, Di Francesco in panchina”

Il tecnico dei ferraresi ha parlato alla stampa alla vigilia degli ottavi di Coppa Italia contro il Milan.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby
semplici-spal

L’ultimo posto in campionato è una triste realtà, ma alla Spal nessuno vuole arrendersi così presto, specie se in palio c’è un’altra competizione, il cui passaggio ai quarti si decide in gara secca. La pensa così Leonardo Semplici, che in conferenza stampa si è detto consapevole delle possibilità che ha la squadra di battere il Milan di Ibrahimovic.

LE PAROLE DI SEMPLICI

Sulla partita: “Vedremo una SPAL che dovrà fare una bella prestazione. Voglio vedere una squadra che giochi con la stessa personalità di Firenze. Proveremo a dare tutto. Cercheremo di conquistare il passaggio del turno che sarebbe una cosa eccezionale contro una squadra che è di grande valore”.

Sul turnover: “Cionek lo portiamo via con noi, ma ha un problema fisico. Così come Valoti, che ha avuto un attacco influenzale. Cercheremo di scegliere gli undici che possano garantirci una certa prestazione”.

Su Dabo: “Sarà sicuramente della partita. L’ho visto bene, è arrivato con tanto desiderio di dare il suo apporto alla squadra. Ha bisogno di minutaggio e cercheremo di portarlo nelle giuste condizioni possibili per averlo in forma al più presto”.

Su Di Francesco: “Non partirà titolare, magari lo utilizzerò durante la gara. La sua condizione sta crescendo, ma inizialmente partiranno altri”.

Tra Letica e Berisha: “Stiamo valutando”.

Sulla sconfitta di Firenze: “I ragazzi sono molto dispiaciuti, ma c’è la possibilità di rimediare, un rimedio che deve partire in maniera veloce e con la giusta spensieratezza. Non abbiamo più niente da perdere, più di ultimi non si può stare. Bisogna scrollarsi di dosso questa negatività. Sta solo a noi cercare di uscire da questa situazione, abbiamo le qualità e siamo convinti di poterlo fare. La società sta cercando di rinforzare la rosa e bisogna essere convinti. Io sono il primo ad esserlo, consapevole delle qualità del gruppo e delle difficoltà incontrate fino a oggi. Ma stiamo lavorando per raggiungere il traguardo, con fiducia e positività, cercando di mettere in campo la nostra forza”.

Sulla convocazione di qualche Primavera: “Sì, Cuellar, Mastrilli, Cannistrà, Tunjov e Zanchetta”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy