Napoli, De Laurentiis: “James Rodriguez? Siamo pronti a fare dei sacrifici ma il Real Madrid…”

Napoli, De Laurentiis: “James Rodriguez? Siamo pronti a fare dei sacrifici ma il Real Madrid…”

Arrivano nuove conferme in casa Napoli in merito alla trattativa per portare in azzurro il talentuoso colombiano.

di Ciro Brancone, @_Cb_official_

Non sembra mancare molto per James Rodriguez al Napoli (la trattativa con il Real Madrid pare avviata ma c’è da limare ancora qualcosa, nonostante l’accordo col giocatore) visto che, dopo foto e interviste varie, sono arrivate ulteriori conferme dal presidente del club partenopeo.  Ai microfoni di Sky Sport infatti, Aurelio De Laurentiis ha dichiarato:

Per James siamo tutti quanti ben disposti a fare dei sacrifici, però chiediamo anche al Real Madrid di farne degli altri. Noi non abbiamo annullato la nostra attesa, ma per far sì che si scongeli è necessario che il Real Madrid arrivi, magari anche più avanti, a considerare che piuttosto che avere in casa qualcuno scontento e non appagato, sarebbe meglio mandarlo a giocare da qualche parte. Magari in prestito. Io ho letto tante di quelle baggianate… Si è detto che ho parlato con Florentino Perez, ma io non mi metto a parlare con Perez di James. Noi abbiamo Cristiano Giuntoli, abbiamo un grandissimo agente amico di James e amico nostro, quindi non abbiamo bisogno di parlare con Florentino. Forse, qualora lui mi chiamasse per chiedermi delle cose, potrei rispondergli. Ma non ho mai parlato con Perez, né abbiamo accennato o negoziato tra di noi per James, come ha riportato impudentemente qualche giornalista. Napoli sarebbe sicuramente un bel regalo per lui. Studiandolo un pochettino da inesperto, ho notato e ho potuto valutare che James ha reso tantissimo solo in due occasioni, con Carlo Ancelotti: una volta al Real Madrid, una volta al Bayern Monaco. Quindi questa è una super garanzia per lui di essere appagato, di essere al centro della nostra volontà, di essere determinante sul campo e di poter regalare ai nostri tifosi qualcosa di importante. Penso che questo lui lo abbia capito, lo abbia saputo, perché Carlo Ancelotti ci ha parlato e ha saputo motivarlo. ‘Se son rose fioriranno’ si dice, quindi stiamo tutti a vedere e ad aspettare che i tempi siano più maturi“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy