Milan, l’esito degli esami di Ibrahimovic, Calhanoglu e Rebic: tegola per lo svedese

Pioli si ritrova con una nuova emergenza infortuni

di Mauro Maccioni

Il Milan non esce mai dalla crisi infortuni e la situazione, dopo la Roma, sembra peggiorare. Gli infortuni di Ibrahimovic, Calhanoglu e Rebic hanno fatto preoccupare i rossoneri, che hanno ricevuto gli esiti degli esami pochi minuti fa. Come sta la batteria offensiva?

LESIONE PER IBRAHIMOVIC

La notizia peggiore arriva da Ibrahimovic, alle prese con una lesione del muscolo lungo adduttore sinistro. Per infortuni di questo tipo i tempi di recupero si aggirano intorno alle 3 settimane, specie per Ibrahimovic che ha già dimostrato di non riprendersi troppo in fretta. Lo svedese salterà Udinese, Verona, l’andata con il Manchester United e il Napoli: proverà a recuperare per il ritorno di Europa League o per la Fiorentina del 21, al termine della quale ci sarà la sosta. Se la situazione non dovesse migliorare dopo una decina di giorni, è probabile che Pioli e lo staff scelga di non rischiarlo e di lasciargli il periodo delle Nazionali per recuperare. Una tegola niente male, soprattutto visto il tour de force delle prossime settimane.

MALE CALHANOGLU, SOSPIRO DI SOLLIEVO REBIC

Notizie sempre negative arrivano da Calhanoglu, fermatosi nell’intervallo con la Roma. Il trequartista è alle prese con un’edema dei flessori mediali della coscia sinistra e le sue condizioni verranno valutate giorno per giorno. Difficile ci sia per l’infrasettimanale con l’Udinese, così come contro il Verona: la prossima settimana ci sarà il Manchester United e, senza Ibrahimovic, la presenza del turco sarà fondamentale. Molto migliori le notizie che riguardano Rebic: per il croato nulla di preoccupante, probabilmente solo una botta che gli permetterà di essere già disponibile per l’Udinese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy