Milan, Diaz: “Voglio lasciare un segno, Ibra come Iniesta. Sul ruolo e Castillejo…”

Il giovane trequartista si presenta in conferenza stampa

di Mario Ruggiero, @MarioRuggi

“Voglio lasciare un segno”. Brahim Diaz, giovane  calciatore classe 1999, arrivato in prestito dal Real Madrid, ha le idee chiare. Nella conferenza stampa di presentazione tocca vari argomenti tra cui ruolo, rapporto con Ibra e i compagni e ambizioni personali e della squadra.

LE DICHIARAZIONI DI BRAHIM DIAZ

Sul ruolo è abbastanza criptico: “Preferisco giocare da trequartista, ma le cose che ci siamo detti io e Pioli restano tra noi. Non parlerò di questa cosa, voglio giocare qui e penserò solo al Milan. Una squadra di leggende, come ad esempio Paolo Maldini”.

Sulle ambizioni future: “Il Milan deve aspirare allo scudetto, non solo a tornare in Champions. Ibra e Tonali sono ottimi segnali”.

Zlatan come Iniesta: “Da piccolo guardavo sempre Andrés, sono cresciuto con lui, ma anche Ibra è un fenomeno. E’ un piacere giocare con lui”.

In questa nuova avventura ha ritrovato l’amico Castillejo: “Con Samu Castillejo ho un rapporto speciale. Ho avuto la fortuna di giocare assieme a lui nelle giovanili del Malaga ed è veramente un piacere ora ritrovarlo e condividere lo spogliatoio. Ancora non ho incontrato Theo Hernández ma avrò modo di conoscerlo, è un fenomeno”.

Sulle sue caratteristiche: “Sono un giocatore con un buon dribbling e una buona qualità tecnica”.

Attiva Magic, il fanta-concorso con il montepremi più ricco d’Italia, vinci una Jaguar e diventa il Magic Allenatore più famoso d’Italia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy