Lecce, grinta Petriccione: “Sempre grato a Liverani, voglio la salvezza con i giallorossi. Mi ispiro a Pirlo e Iniesta”

Il piccolo gigante centrocampista del Lecce svela alla Gazzetta dello Sport alcuni interessanti spunti sul suo periodo in giallorosso.

di Mario Ruggiero, @MarioRuggi

Faro del centrocampo giallorosso, Jacopo Petriccione non ha sofferto eccessivamente il salto di categoria: il duttile mediano friulano in 20 gare ha servito tre assist (6,1 media Voto – 6 Fantamedia) fornendo prestazioni di alto livello. Soprannominato Modriccione per la somiglianza fisica con il centrocampista del Real Madrid, pallone d’oro 2018, ha specificato, però, che i suoi idoli sono altri maestri della mediana: Pirlo e Iniesta.

LE DICHIARAZIONI DI PETRICCIONE ALLA ROSEA

La crescita di Petriccione è stata agevolata dal rapporto con mister Liverani: “Sarò grato per sempre a Liverani: mi aveva allenato nella Ternana, poi mi ha voluto nel Lecce, che mi ha preso dal fallimento del Bari. È un maestro straordinario. Da ex centrocampista, mi spiega i segreti del ruolo. Il mister ha ancora un piedino da fuoriclasse, in allenamento regala spettacolo. Paragone con Modric? È un campione, anche se i miei modelli preferiti sono stati Pirlo e soprattutto Iniesta”.

Sul futuro: “A Lecce sto benissimo e devo tanto alla società. Da bambino, andavo allo stadio Friuli e quell’Udinese era protagonista anche in Champions League. Dico solo che a Udine sarei di casa. Resto, però, concentrato sulla salvezza del Lecce, sperando che si possa concludere il campionato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy