Juventus, Sarri: “Può darsi ci sia qualche rotazione nella formazione. De Ligt sta meglio”

Il tecnico bianconero presenta il big match in trasferta contro la Roma.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

La Juventus non può permettersi passi falsi. Il primato in classifica va difeso a denti stretti da un’Inter e una Lazio sempre più agguerrite. Per questo, i bianconeri di Maurizio Sarri non possono assolutamente sbagliare la gara in programma domenica sera all’Olimpico contro la Roma di Fonseca.

LE DICHIARAZIONI DI SARRI

Sulla Roma: “Sarà un partita difficile in cui dobbiamo ricercare continuità. Spesso abbiamo fatto partite con spezzoni diversi di interpretazioni. Ora dobbiamo proseguire su quanto fatto con il Cagliari. La Roma è una squadra di grandi accelerazioni e strappi, ha continui capovolgimenti di fronte e bisogna non farsi strappare in due da loro. Fonseca? A inizio campionato l’avevo messo tra le sorprese e mi sembra stia facendo un buon calcio e stia dando una grande impronta alla sua squadra. La Roma con la difesa a tre? Se andiamo in pressione, ci cambiano i movimenti difensivi, ma abbiamo già giocato contro squadre con una difesa a tre, per cui non sarebbe una novità”.

Sulla formazione: “Può darsi ci sia qualche rotazione. Se mi sono sforzato per fare turnover? Non mi sono dovuto sforzare. A Napoli, in quel momento, era importante dare continuità a quella formazione. Questa è una situazione totalmente diversa rispetto alle precedenti. Considerata la qualità dei giocatori a disposizione, può cambiare poco con 2-3 sostituti a partita”.

Su Higuain: “Quando gioca Gonzalo cambia qualcosa perché Ronaldo e Dybala liberano l’area di rigore con i loro movimenti. Chiaramente Higuain ci risolve determinate situazioni con le sue caratteristiche. Il potenziale offensivo è elevato”.

Su De Ligt: “Sta meglio. L’acciacco al pube è in miglioramento così come quello alla spalla. La sensazione è che stia tornando ai suoi livelli”.

Sul regalo che la squadra può fargli per il compleanno: “La squadra può portarmi i tre punti con la Roma. Alla mia età non chiedo più regali per il compleanno”.

Sugli inserimenti in area di Ramsey e a Rabiot: “Chiunque giochi da trequartista può farlo. Bisogna essere bravi a sfruttare gli spazi che aprono gli attaccanti davanti. Khedira è il più bravo di tutti a farlo, ma è chiaro che anche gli altri debbano adattarsi. Rabiot può migliorare ancora molto in questo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy