Juventus, Sarri: “De Ligt è in ripresa, Rugani è tenuto in considerazione. In porta? Penso Buffon”

Juventus, Sarri: “De Ligt è in ripresa, Rugani è tenuto in considerazione. In porta? Penso Buffon”

Il tecnico bianconero ha incontrato i giornalisti alla vigilia degli ottavi di Coppa Italia contro l’Udinese.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

L’uscita ai quarti dello scorso anno ancora brucia sulla pelle. Per questo, la Juventus ha voglia di rivalsa in Coppa Italia, una competizione che ha vinto per quattro anni consecutivi prima della debacle contro l’Atalanta nell’ultima stagione. È avvisata l’Udinese, la prima avversaria che domani sera affronterà i bianconeri agli ottavi e che Maurizio Sarri non vuole assolutamente sottovalutare.

LE PAROLE DI SARRI

Sulla difesa: “De Ligt è apparso in grandissima ripresa. Rugani è un giocatore importante ed è tenuto in grande considerazione. Se Emre Can può fare il centrale? Nella difesa a quattro penso sarebbe un percorso lungo, in Nazionale gioca nella difesa a tre. Per giocare in mezzo al campo ci vogliono caratteristiche particolari, che sia mezzala o centrale”.

Tra campionato e Coppa Italia: “Non è facile recuperare dopo una grande partita, ma lo dobbiamo fare. Vogliamo passare il turno, quindi dobbiamo trovare motivazioni e forza per ricaricare le batterie”.

Sull’eventuale turno di riposo per Cristiano Ronaldo: “La sensazione è che gli attaccanti siano tutti in buone condizioni. Ronaldo sta bene e mi sembra in un momento straordinario, i numeri parlano per lui, non solo da punto di vista realizzativo”.

Su Pjaça: “Quando ero al Napoli, era uno dei nostri obiettivi di mercato. È un giocatore dalle enormi potenzialità, se si apre spazio per lui sarei il più contento”.

Su Buffon e Douglas Costa titolari: “Buffon penso che giocherà, per noi lui è una risorsa fondamentale. Per quanto riguarda il resto della formazione, oggi chi ha giocato domenica ha fatto ancora scarico. Le sensazioni dei ragazzi sono quelle che conteranno di più nelle scelte”.

Su Dybala e la polemica sulla sostituzione contro la Roma: “Se ci ho parlato? Con lui parlo tutti i giorni anche perché è simpatico. Lui ha semplicemente chiesto il motivo della sostituzione. Abbiamo attaccanti forti, non bisogna vivere di polemica. In qualsiasi posto di lavoro possono esserci delle litigate”

Sulle eventuali colpe da attribuire al terreno dell’Olimpico per gli infortuni di Demiral e Zaniolo: “Quest’anno mi sembra meglio degli altri anni il campo dell’Olimpico. Vedendo la dinamica degli infortuni, ho dei dubbi che possa essere stata colpa del campo perché hanno avuto due cedimenti strutturali. Demiral poi veniva da una grande elevazione”.

Su Bernardeschi: “Federico è contento di provare a giocare mezzala. Ci stiamo lavorando, è un piccolo percorso che gli va concesso. Son contento che lui lo stia provando col giusto entusiasmo”.

Su Rabiot a sinistra: “Abbiamo tanti mancini, considerando anche Bernardeschi. Il ruolo a destra Adrien lo sta interpretando bene. Alla base c’è la crescita del ragazzo: ritmo e intensità, sta gettando presupposti di buon livello”.

Su Chiellini: “Ci dispiace che Demiral in un momento così speciale sia andato incontro ad un infortunio così pesante. Chiellini non è ancora nelle mani dello staff tecnico, è ancora in quelle dello staff medico. Vedendolo correre, mi sembra abbia una corsa abbastanza fluida. Quando sarà col gruppo, sarà più facile da valutare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy