Juventus, Sarri: “Alex Sandro è recuperabile, Higuain ha una caratura fuori dal comune”

Il tecnico bianconero ha incontrato i giornalisti alla vigilia dei quarti di Coppa Italia contro la Roma.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Solo dieci giorni fa la sfida di campionato contro la Roma ha dato esito positivo, ma domani sera in Coppa Italia sarà un’altra gara. Lo sa bene Maurizio Sarri, che pretende dalla sua Juventus la stessa concentrazione e la medesima convinzione nel ricercare la vittoria e la qualificazione alle semifinali.

LE DICHIARAZIONI DI SARRI

Sulla partita: “Basta vedere i risultati che la Roma sta facendo in trasferta. Riesce a segnare fuori casa quanto in casa e ha fatto più punti in trasferta che in casa. E’ una squadra di ottimo livello che può renderci la gara molto complicata”.

Su Douglas Costa nuovamente titolare nel tridente: “Penso di sì. L’importante è trovare ordine in campo. Gli interpreti possono cambiare o no, l’obiettivo è riuscire a rimanere equilibrati con tanti giocatori offensivi. Qualcosa dobbiamo inventarci, oggi abbiamo fatto un allenamento intermedio. Domattina vediamo e decidiamo, ora non ho ancora deciso niente, né chi gioca né il modulo”.

Su Cuadrado e Alex Sandro: “Cuadrado era sfebbrato, ma lo abbiamo tenuto in palestra vista la giornata fredda. Alex Sandro non ha nulla di grave, solo un problema al muscolo trasverso: è da valutare, ma penso sia recuperabile”.

Su Cristiano Ronaldo e il suo probabile turnover: “Domani valuteremo anche Cristiano, se sta bene può fare le tre partite in una settimana. Non lo vedo come un problema, l’importante che lui si senta nelle condizioni di poterlo fare. Mercoledì scorso lo abbiamo fatto recuperare anche perché aveva pure qualche linea di febbre. In questo momento penso di sì, domattina parlerò con lui e vedremo”.

Sulla Roma senza Dzeko: “Difficile da sostituire, anche se Kalinic è un giocatore fortissimo pur avendo avuto dei momenti di difficoltà. A livello di movimenti, ha grandi attacchi della profondità e dell’area di rigore, colpi di testa, acrobazie: è completo. Nella partita singola i giocatori forti meritano sempre grande considerazione”.

Su Rabiot: “E’ uscito dall’ultima gara con qualche colpo, uno sulla caviglia destra e un pestone sul piede sinistro che ieri aveva ancora gonfio. Oggi stava un po’ meglio, la sensazione è che abbia caratteristiche fisiche importanti anche a livello di recupero, sta crescendo. Domani valutiamo, ieri ero più pessimista, oggi più ottimista”.

Su Danilo: “Giocatore affidabile, difficilmente sbaglia la partita. Sulla sinistra ha un rendimento simile a quello che ha sulla destra, ha solo qualche problemino in più in uscita perché non è il suo piede preferito. E’ un giocatore di buon livello caratteriale e di personalità, ha un ruolo importante nello spogliatoio”.

Su Higuain: “L’ho visto bene. Anche oggi in allenamento era particolarmente vivo. Giocatore importante. Per motivi di equilibrio a volte lo facciamo giocare insieme agli altri due o con uno dei due. Sta facendo una stagione di ottimi livello, ultimamente sta anche cambiando: frequenta meno l’area di rigore, ma resta un giocatore di una caratura fuori dal comune”.

Sulle eventuali partenze di Emre Can e Bernardeschi: “Non mi risulta, per me fanno parte della rosa e dunque sono presi in considerazione come tutti gli altri. A meno che non ci sia una situazione mentale particolare da parte di qualche giocatore coinvolto ma in questo momento non lo vedo”.

Su Douglas Costa: “In questo momento sta bene. Certi carichi al momento glieli abbiamo evitati perché è a rischio muscolare e dunque lo preserviamo da eventuali infortuni. L’aspetto estremamente positivo è che ha ritrovato continuità in allenamento, anche se non è al massimo della condizione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy