Juventus, Pirlo: “Dybala può giocare dall’inizio o a gara in corso. Morata? È funzionale”

Il tecnico bianconero ha parlato alla stampa alla vigilia del big match casalingo contro il Napoli.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Il pareggio strappato in 10 contro la Roma ha permesso ad Andrea Pirlo di capire alcuni errori commessi nella scelta di determinati interpreti. Ora il tecnico della Juventus è pronto ad affrontare il Napoli dell’amico di vecchia data Gennaro Gattuso, in attesa dell’esito degli ultimi tamponi effettuati in mattinata nella squadra partenopea a seguito della positività al Covid-19 di Zielinski.

LE DICHIARAZIONI DI PIRLO

Sulla situazione generale: “Non penso ci sia il rischio di non giocare. C’è stato un comunicato della Lega con regole ben precise, non penso ci siano problemi. Noi abbiamo preparato la partita come tutte le altre squadre, quanto successo non ci ha influenzato minimamente”.

Tra Roma e Napoli: “Non abbiamo avuto amichevoli per provare certi giocatori in certe posizioni. Abbiamo provato il nostro gioco per la Roma e magari proveremo altro per il Napoli. Esperimenti dovevamo farne e magari domani sarà uguale”.

Su Dybala titolare: “Viene da due mesi di totale assenza. Ha un’altra settimana di lavoro in più nelle gambe, vediamo domani se c’è possibilità di farlo giocare dall’inizio o a gara in corso”.

Sul rivedere Cuadrado a sinistra: “Sì c’è questa possibilità, oppure il ritorno di Frabotta. Sono due potenziali titolari, decideremo fra oggi e domani perché sono gli unici due che possono giocare in quella posizione”.

Su Arthur: “Si è allenato bene, anche lui viene da allenamenti più continui. C’è la possibilità che giochi dall’inizio, nelle rotazioni considerata l’assenza di Rabiot c’è questa possibilità”.

Sugli esperimenti sbagliati con la Roma: “Non abbiamo interpretato bene gli spazi in fase offensiva. Kulusevski aveva ricoperto poco quella posizione, magari poteva essere una soluzione un po’ azzardata contro la Roma”.

Sul mercato: “Stiamo parlando con la società. Se ne occupa Fabio Paratici, vedremo se arriverà qualcosa lunedì sera”.

Sulla Champions: “È un girone affascinante, giocare contro il Barcellona è sempre bello perché va ad alzare il livello di attenzione. Sarà un calendario fitto, ma giocare a Kiev alla prima è positivo perché puoi evitare il campo ghiacciato”.

Sul Napoli: “Ha dimostrato di aver cambiato mentalità con Gattuso. Sono forti, è già un anno quasi che lavorano assieme e questo credo che sia un loro punto di forza. Ma noi non siamo da meno”.

Sul pericolo Covid-19: “Ormai al giorno d’oggi bisogna avere paura ad andare in giro, non solo per le partite. Se succede, può succedere anche alla Juve, come successo al Genoa”.

Su un’altra chance a Morata: “Sì è un giocatore funzionale, non penso abbia fatto così male come è stato detto. Ha lavorato poco con noi, l’abbiamo messo dentro perché pensavamo potesse far male alla Roma. Lui è a disposizione”.

Su Khedira, De Sciglio e Douglas Costa: “Non è cambiato niente. Il mercato chiude lunedì, si allenano come tutti gli altri e sono a disposizione per giocare”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy