Fonseca, il tecnico mascherato: come cambia la Roma

Fonseca, il tecnico mascherato: come cambia la Roma

Il tecnico portoghese ex Shakthar fa del 4-2-3-1 il suo punto di forza.

di Giuseppe Ronco

Un allenatore esuberante ed eclettico, Fonseca era il nome favorito per sedersi sulla panchina giallorossa della Roma. E così è stato, con il club capitolino che oggi lo ha annunciato con il relativo comunicato ufficiale. Esuberante non solo per quella conferenza stampa dopo la vittoria sul Manchester City in Champions a cui si è presentato vestito da Zorro, e neanche per essere al contempo un allenatore estremamente elegante e un batterista rock, ma soprattutto per la sua idea di calcio che, sulla strada tracciata da Mourinho (suo connazionale), si presenta come dinamico e offensivo.

FONSECA, LA SUA NUOVA ROMA

È lecito dunque abbozzare uno schizzo di quella che potrebbe essere la sua “nuova Roma”. Uno schizzo redatto al momento e che non tiene conto, quindi, delle eventuali cessioni ed entrate (Dzeko su tutti, ma anche Kolarov), ma che può rendere quantomeno l’idea di calcio dell’allenatore portoghese e della sua contestualizzazione a Roma. Modulo di partenza, 4-2-3-1: continuità dunque ad un’identità di squadra che con Spalletti prima e Di Francesco poi ha dato buoni risultati e plasmato un gioco che, sebbene a sprazzi, è riuscito a mettere in difficoltà chiunque. Quartetto arretrato invariato, con Florenzi Manolas Fazio e Kolarov; davanti cerniera mediana con Pellegrini e Cristante, Zaniolo più avanzato nelle vesti di trequartista alle spalle di Dzeko, unica punta coadiuvata ai lati da Under ed El Shaarawy. Esterni a piede invertito, per permetter loro di accentrarsi e liberare spazio sulle fasce per gli inserimenti da dietro dei terzini: il tutto in un contesto di gioco che mira a mantenere  il possesso per attirare gli avversari fuori dalle proprie posizioni e attaccare negli spazi. Un calcio offensivo, dunque, e propositivo, con 6-7 giocatori ad accompagnare la manovra d’attacco: il tutto nell’attesa che arrivino notizie da Kiev e che il mercato si assesti sui binari di semi-stasi che seguiranno al primo movimentato periodo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy