Fantacalcio, Lazio-Torino verso il rinvio: le ultime

La gara, in programma domani alle 18.30, è ad un passo dall’essere rinviata. Pesa il precedente di Juventus-Napoli

di Mario Ruggiero, @MarioRuggi

Fantallenatori in fibrillazione. Lazio-Torino, in programma domani alle 18.30 nonché primo match del venticinquesimo turno, è a un passo dal rinvio. La decisione verrà ufficializzata nelle prossime ore. Slitterebbe, dunque, il termine ultimo per inserire le formazioni che potranno essere messe fino a pochi minuti prima delle 20.45, orario in cui si disputerà la sfida Juventus-Spezia, originariamente secondo match di questo turno infrasettimanale. Per i granata si tratterebbe della seconda gara rinviata in poco meno di una settimana a causa del cluster da Covid-19 con variante inglese al Filadelfia scoppiato lo scorso 23 febbraio. Ad oggi il bilancio è di 15 positivi: 8 calciatori (tra cui Belotti e Bremer), il medico sociale Daniele Mozzone, un dirigente e 5 familiari.

FANTACALCIO, LAZIO-TORINO VERSO IL RINVIO: LE PAROLE DEL PRESIDENTE DEL PINO

Il precedente di Juventus-Napoli pesa tanto. La Lega Calcio di Serie A e il presidente Paolo Dal Pino, a breve, ufficializzeranno il rinvio della gara memore di ciò che è successo dopo il ricorso effettuato dalla società campana mesi fa dato che la situazione è simile, con il Torino pronto ad effettuare il ricorso in caso di decisione avversa. Del resto è stato lo stesso presidente della Lega Calcio di Serie A, Paolo Dal Pino, intervenuto nel corso della trasmissione radiofonica “La politica nel pallone” su Gr Parlamento a sollevare il parallelo: “Lazio-Torino? E’ ovvio che per noi la partita si debba giocare, ma se la Asl ha un atteggiamento estremamente duro e restrittivo, noi dobbiamo valutare in considerazione della decisione che purtroppo è stata la decisione del collegio di garanzia del Coni che, ahimè, sul caso Juventus-Napoli ha creato un precedente di giurisprudenza”.

La posizione dell’Asl Città di Torino, infatti, non è cambiata di un millimetro, sempre improntata al rigore e alla cautela assoluta. Su Gazzetta.it, infatti, è stato intervistato il dottore Roberto Testi, direttore del dipartimento Prevenzione dell’Asl, che ha annunciato come “il gruppo squadra del Torino resta in quarantena domiciliare fino alla mezzanotte di martedì 2 marzo”.  Una soluzione, questa, che impedisce ai tesserati del Torino di uscire di casa per altre 24 ore e quindi di intraprendere il viaggio per Roma.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy