Parma, D’Aversa: “Cornelius e Gagliolo sono convocati, ma…”

Parma, D’Aversa: “Cornelius e Gagliolo sono convocati, ma…”

Il tecnico gialloblù ha parlato alla stampa alla vigilia della trasferta a Firenze.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Venire dalla sconfitta in casa contro l’Hellas Verona non aiuta a tenere alto il morale del Parma, già decimato dagli infortuni. Roberto D’Aversa però, vuole fronteggiare la Fiorentin con la giusta mentalità e il giusto equilibrio.

LE PAROLE DI D’AVERSA

Su Gervinho prima punta: “L’allenatore sa dove mette i giocatori. Va messo dove può rendere al meglio”.

Sulla Fiorentina: “L’aspetto mentale sarà diverso, loro hanno ribaltato il risultato col Sassuolo, sono stati bravi anche i subentrati. Hanno giocatori di qualità anche in panchina. Noi dobbiamo affrontare in maniera equilibrata ogni partita, indipendemente dai risultati da cui veniamo”.

Sugli indisponibili: “Pezzella aveva preso una botta, Bruno Alves si è nuovamente fermato in allenamento. Rientra Cornelius tra i convocati, ma si è allenato solo oggi. In lista torna anche Gagliolo, ma non ha fatto nemmeno un allenamento”.

Sugli infortuni: “Spesso e volentieri nelle costruzioni delle squadre bisogna analizzare la storia dei calciatori e vedere se sono stati fermi 6 mesi. A livello generico, bisogna stare attenti quando ci sono le pause con le Nazionali ad esempio, come accaduto con Kucka: è andato in Nazionale dove i giocatori sono costretti a giocare per forza perché è importante, e dove nella gestione di giocatori non sempre si fa la cosa più giusta per i calciatori. Poi ci sono tre partite in una settimana e non è semplice. Certo, se hai una rosa più ampia, puoi prevenire qualche infortunio”.

Su cosa migliorare: “Noi come caratteristiche per come affrontiamo le partite dobbiamo pensare che ci dobbiamo salvare e non devono mancare quelle qualità che ci hanno portato a salvarci. Si lavora su tanti aspetti, si può sempre migliorare. Analizzando l’ultima partita non si è portato il risultato a casa dopo una buona prestazione. I punti sono gli stessi dell’anno scorso, l’interpretazione delle gare sono diverse”.

Sul maggiore numero dei goal: “Io non sono cambiato. Cerco di mettere i miei giocatori nelle condizioni migliori. Si può migliorare, chi lavora con me da tanto sa cosa voglio. Non dobbiamo sentirci appagati, quello che conta è il risultato finale. Dobbiamo migliorarci sotto tutti i punti di vista”.

Sulla presenza di Bruno Alves con la Roma: “Mi auguro di sì”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy