Udinese, Tudor :”Okaka torna la prossima settimana; dovrò valutare bene l’utilizzo dei nazionali”

Udinese, Tudor :”Okaka torna la prossima settimana; dovrò valutare bene l’utilizzo dei nazionali”

Mister Tudor ha parlato alla stampa alla vigilia di Udinese-Inter.

di Carlo Cecino, @CarloCecino

Dopo due settimane di sosta per gli impegni delle Nazionali, torna la Serie A. E domani (ore 20.45) riprende anche l’avventura dell’Udinese. A seguito delle prime due giornate condite da una vittoria contro il Milan e una sconfitta contro il Parma, i friulani domani sera saranno di scena al Meazza contro l’Inter di Conte nella prima difficile trasferta stagionale. Il tecnico dei friulani Igor Tudor alla vigilia ha parlato in conferenza stampa.

LE DICHIARAZIONI DI TUDOR

Su Okaka: “Non si è allenato con la squadra per qualche piccolo problemino. Dalla prossima settimana inizierà ad allenarsi con il resto del gruppo. Gli altri stanno tutti bene“.

Sui nazionali appena tornati :”Ci sono sempre ritorni da viaggi importanti e bisogna valutare bene bene le scelte per domani sera“.

Sull’Inter e Conte :”Antonio è un mio amico ed è uno dei migliori allenatori al mondo. Vedo l’Inter con il Napoli e la Juventus come le tre squadre sopra le altre. Lukaku è un grande campione, ma non è l’unico a creare pericoli. C’è Sensi, poi hanno l’imbarazzo della scelta sulle fasce ed una difesa veramente forte. Penso giocherà Sanchez e non Lautaro, ma sono entrambi due fuoriclasse“.

Sulla partita: “Dobbiamo andare lì con le nostre armi e dobbiamo sfruttarle nel migliore dei modi, anche se l’Inter ha una grande difesa, ma non so dire se è la migliore del campionato“.

Sulle ripartenze: “Con il Parma è normale subire due contropiedi in 90 minuti, ma non è normale che facciano due gol. Domani sarà una partita diversa, giochiamo fuori casa contro un altro avversario. Ogni partita ha la sua storia, spero che i miei giocatori tirino fuori il meglio di sé, in uno stadio come San Siro“.

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy