Juventus, Danilo si presenta: “Mi ispiro a Dani Alves. Darò il meglio in campo”

Juventus, Danilo si presenta: “Mi ispiro a Dani Alves. Darò il meglio in campo”

Danilo, neo acquisto della Juventus, è intervenuto in conferenza stampa ed ha parlato delle sue motivazioni e del rapporto con i nuovi compagni.

di Patrizia Monaco
Juventus, Danilo si presenta:

SFIDA LA REDAZIONE DI FANTAMAGAZINE SU MAGIC
Crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport!

La settimana scorsa abbiamo cercato di capire quello che Danilo, neo acquisto della Juventus, potrebbe dare alla squadra bianconera nel corso della prossima stagione. Il difensore ha voglia di rivalsa e chissà che sotto la guida di Sarri non possa ottenere il tanto agognato riscatto dopo la rottura con il suo ex club, il Manchester City.

Oggi il calciatore si è presentato in conferenza stampa ed ha parlato soprattutto dei motivi che lo hanno spinto a trasferirsi a Torino, nonché del suo rapporto con i nuovi compagni di avventura.

LE PAROLE DI DANILO IN SALA STAMPA

All’interno della sala stampa dell’Allianz Stadium, il terzino destro ha parlato della sua nuova esperienza con la maglia della Juventus, dove andrà a sostituire il portoghese Joao Cancelo, trasferitosi a sua volta al Manchester City.

Su Alex Sandro, suo collega e amico di vecchia data che ritrova a Torino: “In fase di trattativa ho avuto modo di parlare spesso con lui, è stato molto importante per la mia scelta“.

Sul suo nuovo allenatore, Maurizio Sarri: “Il suo è uno stile particolare, gli piace il possesso palla ed il comando del gioco. Era difficile affrontarlo quando allenava il Chelsea ma sono abituato a questo genere di gioco, per questo credo che non farò fatica ad abituarmici. Mi ha chiesto di essere attento in fase difensiva, di non lasciare spazi ma di esprimere comunque le mie potenzialità. Insomma, niente di diverso da quello che ha detto anche agli altri. Non è molto diverso da Guardiola nelle richieste e nel modo di schierare la squadra. Sarri fa sentire bene i suoi giocatori“.

Su Ronaldo, Danilo ha invece detto: “Ho scherzato con lui, dicendogli che avrei voluto il numero 7 ma che ho poi saputo fosse già occupata. Anche lui ha avuto un ruolo importante nella mia scelta, perché mi ha fatto capire che sarei andato a giocare in una grande squadra ed una grande famiglia. Giocare con lui è stimolante, lui è molto motivato”.

Sul rapporto Juventus-Brasile: “Con Alex Sandro e Douglas Costa cambieremo la tradizione del club che non ha mai avuto tanti brasiliani. La Selecao sarà sempre un mio obiettivo. Sono stato giustamente escluso dalla Copa America perché nei mesi precedenti avevo giocato poco. Adesso voglio giocare più partite possibili per poter rientrare nel prossimo Mondiale. Mi concentrerò comunque sulla Juventus, poi se arriverà la chiamata in Nazionale ne sarò molto felice“.

Su Dani Alves: “Credo che qualsiasi terzino destro si ispiri a lui, per ciò che ha vinto e per il suo modo di scendere in campo. L’ho affrontato in finale di Champions proprio quando giocava con la Juventus: lui è un giocatore che ti motiva“.

Sul suo numero di maglia: “In realtà non ce n’erano molti disponibili ma il 13 è collegato ad una storia che mi lega ai miei amici e ai miei agenti. Il 13 significa rinnovamento, aprirci a nuove cose“.

Per quanto riguarda l’obiettivo Champions, Danilo ha infine dichiarato: “Non ne ho ancora parlato con gli altri ma so cosa significa questa competizione per i giocatori, il brivido particolare che può dare. Dobbiamo affrontare con serietà ogni singola partita, essere concentrati e questo ci porterà lontano nel cammino Champions“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy