Fiorentina, Montella: “Cambierò a centrocampo. Chiesa recupera presto”

Fiorentina, Montella: “Cambierò a centrocampo. Chiesa recupera presto”

Il tecnico viola ha rilasciato dichiarazioni importanti in conferenza stampa.

di Carlo Cecino, @CarloCecino

Reduce dalla bruciante sconfitta contro la Lazio di due giorni fa, e con la stangata rifilata a Ribery – il francese salterà tre giornate per aver strattonato il guardalinee Passeri – la Fiorentina deve preparare velocemente la trasferta contro il Sassuolo di domani. Un turno infrasettimanale importante per gli uomini di Montella, con il tecnico Viola che ha parlato della sfida in conferenza stampa.

LE DICHIARAZIONI DI MONTELLA

Sul rapporto con Ribery: “C’è un bellissimo rapporto con Franck, già da prima che arrivasse a Firenze. Mi aspettavo che si potesse un po’ risentire dopo il cambio, anche se al momento non mi ero accorto della sua reazione. Ci siamo chiariti ieri, gli ho spiegato le mie ragioni e lui ha capito di essere andato un po’ fuori dalle righe. Ci può stare. E’ venuto a Firenze rifiutando offerte esotiche perché si sente ancora un campione. Va gestito, ci sono sempre dei rischi a livello fisico quando si parla di un giocatore di 36 anni, soprattutto dal 70° in poi. Cinque minuti prima che uscisse aveva accusato un affaticamento, la mia scelta è stata legittima. Ha dimostrato di essere un campione chiedendo scusa a tutti”.

Sulla squalifica di Ribery: “Ci siamo confrontati con la società e accettiamo il verdetto. Lui ha sbagliato, anche se nel merito aveva ragione. Non faremo ulteriori reclami”.

Sul Sassuolo: “Ci dispiace per la squalifica di Ribery ma ora è il momento di guardare avanti perché affrontiamo una partita molto difficile contro un avversario pratico con alcuni giocatori da top 5 del campionato. Dobbiamo avere la forza mentale per tornare a correre come stavamo correndo“.

Sulle assenze: “Non sono preoccupato dalle assenze perché mancheranno gli stessi giocatori che avrei fatto riposare a Sassuolo“.

Sulle possibile novità a livello di modulo: “Qualcosa può cambiare in base all’avversario, ma non voglio dare anticipazioni. Sarà un po’ più faticoso non avere in panchina i giocatori che avrei fatto riposare perché sono o infortunati o squalificati“.

Su Chiesa non schierato a tutta fascia nel finale contro la Lazio: “Chiesa è un giocatore che spende tantissimo nel corso delle partite. La partita era in equilibrio e non potevo permettermi di fargli fare tutta la fascia, per questo ho scelto di schierare in quel ruolo Sottil, che era fresco”.

Su altri cambi per domani oltre agli squalificati e infortunati: “Chiesa arriva stremato a fine gara, ma recupera presto e a livello fisico è al top in Italia. Probabilmente cambierò qualcosa a centrocampo“.

Su chi dà più garanzie tra Boateng, Pedro e Vlahovic: “Vlahovic sta sicuramente meglio di Pedro, ma è un ragazzo giovane che deve ancora migliorarsi nella gestione della partita. Boateng ha esperienza e può darti qualcosa in più nella lettura”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy