Coppa Italia Fiorentina-Cittadella, Montella: “Boateng ha un affaticamento, Chiesa forse recupera per domenica”

Coppa Italia Fiorentina-Cittadella, Montella: “Boateng ha un affaticamento, Chiesa forse recupera per domenica”

Lunedì di conferenza stampa per il tecnico viola.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Spesso nel calcio il modo migliore per riscattarsi da un periodo di brutte prestazione è riscendere immediatamente in campo per dimostrare alla propria tifoseria di poter ancora dire la propria in questa stagione. È proprio questo il caso della Fiorentina, che domani sera potrà approfittare del quarto turno preliminare di Coppa Italia contro il Cittadella per rifarsi della figuraccia rimediata in casa contro il Lecce. In virtù di ciò, stamane Vincenzo Montella ha presentato il match in conferenza stampa, soffermandosi sulle condizioni fisiche e mentali di tanti suoi ragazzi.

LE PAROLE DI MONTELLA

Tra Lecce e Cittadella: “Abbiamo tantissima rabbia in corpo. Vogliamo superare a tutti i costi il turno. Affrontiamo una squadra consolidata che sta facendo bene in B e che gioca con lo stesso allenatore da anni. Vedo grande rabbia nella mia squadra, che anche sabato ha dimostrato di averla. Vogliamo giocare con il cuore e la qualità, questo è il nostro obiettivo. Sapevamo che potevamo passare momenti bui ma dobbiamo analizzarli e superarli con lucidità. Abbiamo tanti giocatori giovani, ben 14 under 23, non tutti utilizzati. Dobbiamo dare coraggio a questi ragazzi perché l’ultima partita ha dimostrato che la squadra ci tiene”.

Sugli infortuni: “Abbiamo giocato cinque partite e mezzo senza Ribery. Franck, Pezzella e Chiesa sono il cuore della squadra ed è difficile sostituirli. Non sono recuperabili e ci vuole maggior disponibilità da parte di chi ha giocato meno. Boateng ha un affaticamento e vediamo oggi pomeriggio come sta. Domani giocherà la formazione migliore al netto di chi ha recuperato e chi no. Chiesa? Sta proseguendo il suo percorso di recupero. Ieri ha lavorato a parte e oggi verrà valutato nuovamente. Penso che sia difficilissimo recuperarlo per domani, più facile per domenica, ma bisogna vedere come reagirà ai vari step”. 

Su Pedro: “Quando è entrato mi aspettavo qualcosa in più da parte sua sotto il profilo del riempire l’area di rigore. Non ho ancora deciso su chi giocherà domani. Lui fisicamente sta bene, ma gli manca intensità e deve abituarsi al calcio italiano e alle difese chiuse. Sono situazioni preventivabili, ma fa parte della rosa e puntiamo su di lui”.

Sulla vicinanza del Presidente Commisso: Il Presidente e la società hanno deciso di affrontare i problemi come in una famiglia. La sua vicinanza la sentiamo. Fa parte del nostro momento di crescita superare certe difficoltà. Come società, stiamo gestendo nel modo migliore questo momento. Sta a noi dare una scossa alla nostra situazione”.

Su Vlahovic: “Vlahovic in prospettiva secondo me è fortissimo e ci crediamo molto. Ha il peso dell’attacco addosso ora. Nella penultima partita non è stato aiutato molto, mentre nell’ultima sì. Non si deve far prendere dall’ansia. Ha questa responsabilità, forse più grande di lui, ma ha la fiducia da parte di tutti”.

Su Sottil: “È un ragazzo su cui crediamo molto. Anche se ha giocato poco, è migliorato molto e il suo valore è stato incrementato. Ha passato una fase in cui è stato poco bene per un problema alla caviglia e al pube che non gli ha permesso di allenarsi al meglio. Domani è possibile che giocherà, ma deciderò oggi”.

Sull’eventuale impiego del secondo portiere Terracciano: “Prima voglio parlare con la squadra per comunicare ai miei giocatori le mie scelte”.

Su Lirola: “Nei primi venti minuti ha fatto vedere quel giocatore dirompente che ci aspettiamo da lui. Ha fatto due belle azioni sabato, poi ha sentito qualche rumorino di troppo sugli spalti ed è stato condizionato. Crediamo in lui e dobbiamo sostenerlo per fargli avere tranquillità per tutta la partita”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy