Calciomercato Roma, saltata la trattativa El Shaarawy-Cina

Calciomercato Roma, saltata la trattativa El Shaarawy-Cina

La trattativa per portare il Faraone allo Shanghai Shenhua ha subito un’importante frenata.

di Claudio Caprioli, @ClaudioCapriol4

Sembrava ormai tutto definito. Contratto faraonico da oltre 40 milioni di euro per i prossimi tre anni e Stephan El Shaarawy che stava preparando le valigie per iniziare una nuova esperienza in Cina. In un primo momento l’unico ostacolo nella trattativa sembrava la ricerca dell’accordo tra le due società, con la Roma che chiedeva 20 milioni di euro e la società cinese che ne offriva al massimo 18 bonus compresi.

Nelle ultime ore invece, l’elemento che ha fatto saltare l’affare, come riporta La Gazzetta dello Sport, sono state proprio le eccessive richieste dell’attaccante di Savona che, oltre all’elevato ingaggio, pretendeva di avere voce in capitolo nella scelta dell’allenatore e dello staff tecnico. Tale richiesta è stata dichiarata inammissibile dallo Shanghai Shenhua, che ha improvvisamente fatto saltare la trattativa.

E ORA CHE SUCCEDE CON EL SHAARAWY?

Questa è la domanda che si pongono i tifosi giallorossi in questo momento. L’attaccante, con il contratto in scadenza tra un anno (giugno 2020), potrebbe addirittura firmare un rinnovo con la Roma. Infatti, anche prima dell’importante trattativa con la società cinese, le parti si erano già incontrate per provare a trovare un’intesa sul possibile prolungamento. Tale intesa non era stata raggiunta per l’importante differenza che esisteva tra la richiesta dell’attaccante (4 milioni di euro netti a stagione) e l’offerta della società che arrivava a 3.5 milioni di euro comprensiva di bonus.

Pertanto, spetterà ora al nuovo DS Gianluca Petrachi il non facile compito di raggiungere un accordo. Dopo lo scampato pericolo infatti, El Shaarawy potrebbe ancora essere una pedina fondamentale nello scacchiere tattico della nuova Roma di Fonseca.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy