Calciomercato Milan: Ibrahimovic si può fare, ma manca un milione

Elliot ha dato il nullaosta per la trattativa e ora si cercano di limare i dettagli per trovare un’intesa tra le parti.

di Redazione Fantamagazine

A cura di Mauro Maccioni

“La Serie A senza me e Thiago Silva è più povera”, aveva detto Zlatan Ibrahimovic. Se per la Serie A nel complesso magari non si è rivelato vero, per il Milan il loro addio ha segnato l’inizio di un’epopea fallimentare, marcata da inconcludenza e fallimenti sportivi. Ma il re di Malmö, ora come mai, sembra essere vicino a tornare ad indossare la casacca rossonera.

MILAN-IBRAHIMOVIC, LA RISPOSTA DEFINITIVA A INIZIO DICEMBRE

Le cifre filtrate sono, per un 38enne, pesanti: 3 milioni di euro richiesti per i primi 6 mesi contro i 2 offerti dalla società milanese, per poi aggiungerne 4 per la stagione successive, con un accordo di 18 mesi totali. Ma sono pesanti allo stesso modo, e forse ancora di più, i 473 gol segnati in 787 partite. Una marea.

Sembra quindi che il Milan, con il suo attacco pessimo – appena 12 gol in 13 partite – abbia abbandonato il suo progetto sportivo basato sui giovani per ripiegare sul bomber svedese, che è stato entusiasta dell’offerta rossonera, squadra che è sempre rimasta nel suo cuore e che ora sembra al primo posto delle sue preferenze, davanti a Napoli e Bologna.

Stando a quanto trapelato, la risposta definitiva arriverà ad inizio dicembre. In tal modo, in caso di esito positivo, il Milan avrà a disposizione fin da subito la punta e Ibrahimovic avrà tutti i mezzi necessari per rimettersi in forma dopo l’annata strepitosa (anche se in un calcio differente) in MLS.

Le carte sono servite, tutti i giocatori hanno fatto la loro mossa. Ora tocca al Milan rilanciare, oppure abbandonare la pista per andare alla ricerca di un altro sostituto per un Piątek spentissimo. I fantallenatori attendono e si fanno i conti in tasca, perché Zlatan Ibrahimovic, anche a 38 anni, non si deve lasciare andare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy