Calciomercato Roma, Pedro in scadenza: è lui l’obiettivo numero uno

Calciomercato Roma, Pedro in scadenza: è lui l’obiettivo numero uno

Lo spagnolo sembra orientato a non rinnovare e attende nuove offerte. Su di lui Betis Siviglia, Roma e Al-Sadd

di Mauro Maccioni

Fonseca è al lavoro, lo ha detto più volte e lo ha confermato Nuno Campos, il suo vice. Data la mancanza degli allenamenti e delle partite, il tecnico giallorosso si sta concentrando sulle analisi tecnico-tattiche e, perché no, sul mercato. In quest’ottica ha cominciato a visionare diversi giocatori da sottoporre a Petrachi e tra tutti il preferito è sicuramente Pedro.

PEDRO IN SCADENZA CON IL CHELSEA

Pedro è un obiettivo molto desiderato dalla Roma. Già nella scorsa sessione di mercato i giallorossi avevano fatto un tentativo, per poi virare su Carles Perez. Ma Fonseca non si è arreso ed è tornato a bussare – in senso metaforico, ovviamente – alla porta dell’ufficio di Petrachi. Il suo messaggio è chiaro: Pedro serve. Il tecnico ha molta fiducia nei suoi ragazzi ed è convinto che la rosa sia composta da giovani interessanti che, per crescere ulteriormente, hanno bisogno di un giocatore carismatico e professionale. Se poi è anche forte, tanto meglio. Pedro risponde a tutti i requisiti ed è anche in scadenza con il Chelsea, squadra con cui non sembra intenzionato a rinnovare.

CONCORRENZA E BILANCIO

Lo stesso Pedro ha commentato le voci di mercato asserendo che, oltre al ritorno in patria, sta valutando diverse offerte. Le squadre interessate sono Betis Siviglia, l’Al-Sadd di Xavi e la Roma. La prima sembra la meta meno gradita, in quanto Pedro pare poco intenzionato a tornare in patria dato il suo desidero di una nuova esperienza. L’Al-Sadd, invece, è appetibile per l’amicizia con Xavi e lo stipendio che sarebbe perlomeno faraonico. Per ultima viene la Roma, ma non nelle idee di Pedro. I giallorossi sono una meta gradita e permetterebbero a Pedro un’esperienza completamente nuova e centrale. Per questo lo spagnolo ci pensa e la Roma, dal canto suo, ha pronto un triennale da 3 milioni più bonus. Il suo stipendio, abbastanza alto per gli standard della lupa, verrebbe compensato dal costo nullo e dalla mancanza di costi da ammortizzare. Sulla carta è un’operazione che va bene a tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy