Serie A, Fantacalcio Mantra: dieci scommesse per il girone di ritorno

Ecco chi può rinascere dopo aver sottoperformato nella prima parte della stagione.

di Fabrizio Lo Gerfo

Al giro di boa del campionato italiano, riscontriamo la presenza di alcuni giocatori che sembrano non aver ancor dato il meglio e potrebbero risultare preziosi al Fantacalcio nel corso della restante metà dei turni di Serie A.


Gli esterni del Verona – L’exploit di Dimarco ha oscurato i migliori giocatori del Verona della passata stagione: Faraoni e Lazovic. I due pupilli di Juric, si apprestano a ritornare sugli scudi, con gol e assist. Con loro in condizione atletica ottimale, Dimarco retrocederà nei tre di difesa. Al Mantra, Lazovic è uno dei migliori esterni, utilissimo per chi schiera la difesa a 3. Faraoni è invece un terzino destro di lusso, che gioca stabilmente come tornante con licenza ad attaccare.


I centrocampisti di Benevento e Crotone – Gli infortuni hanno finora condizionato la stagione dei centrocampisti più talentuosi di Benevento e Crotone. Viola ha finalmente avuto modo di mettersi in mostra nell’ultimo turno di campionato, segnando su calcio di rigore. I tiri dal dischetto saranno sempre i suoi, un prezioso riferimento per chi schiera un centrocampista al Fantacalcio. Il mancino vellutato del giocatore a disposizione di Filippo Inzaghi è un’arma interessantissima in ottica bonus: sia per i tiri da fuori, che per i piazzati come angoli o punizioni. A Crotone, per evitare di arretrare Messias nel ruolo di mezzala, si auspica un rientro a ranghi completi da parte di Benali, unico in grado di garantire un tasso tecnico più elevato ai calabresi.


I trequartisti orobici: L’Atalanta segna sempre tantissimo e i giocatori offensivi girano continuamente. Nella squadra di Gasperini non bisogna guardare soltanto ai presunti titolari, tenendo in considerazione anche chi subentra spesso in virtù dei cinque cambi. Questo meccanismo, nel girone di ritorno, potrebbe favorire Malinovskyi che confida su un mancino violento e preciso, capace di poter portare qualche prezioso +3. Da tenere d’occhio anche Pasalic, che a breve rientrerà a disposizione dopo un brutto infortunio. Al Mantra è possibile schierarlo anche come centrocampista, trovandosi chi può giocare in mediana, come da trequartista.


Gli attaccanti delle big: Il grande assente in casa Juve è stato finora Dybala. Il 10 bianconero ha tutte le qualità tecniche per tornare a splendere e regalare tante giocate sopraffine. Da monitorare anche Correa, scalpitante per riprendersi il posto da titolare al fianco di Immobile. Per chi al Mantra adotta il tridente offensivo, loro potrebbero essere tra i migliori colpi da mettere immediatamente a segno.


Le punte centrali in rampa di lancio: Il caso Dzeko ha aumentato lo spazio a disposizione di Borja Mayoral. Lo spagnolo, quando chiamato in causa da titolare, ha spesso timbrato, anche con delle doppiette. Da schierare principalmente contro avversari di bassa classifica, contro i quali è un vero cecchino. Una sterzata a quanto visto finora, c’è da attendersela dal Cagliari. I sardi si trovano incredibilmente in zona retrocessione, nonostante un organico da parte sinistra della classifica. Per risalire in graduatoria, i gol di Simeone potrebbero aiutare. L’ex viola è sempre andato a periodi e, se dovesse sbloccarsi, è facile pensare di trovarlo più spesso sul tabellino dei marcatori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy