Probabili Rigoristi Serie A 2015/2016

Probabili Rigoristi Serie A 2015/2016

La lista dei rigoristi basata sulle statistiche passate, le amichevoli precampionato e le analisi degli esperti

di Lorenzo Storchi

Anche il fantacalcista meno esperto conosce bene i brividi di paura provati non appena il vostro rigorista si presenta sul dischetto, nel momento che può decidervi la partita in positivo o negativo. Se siete amanti del rischio, il gioco potrebbe valere la candela, se consideriamo che la quasi totalità della classifica marcatori è occupata da rigoristi. Analizziamo quindi per ogni squadra quali saranno i rigoristi del prossimo campionato, sperando di segnalarvi anche nomi meno conosciuti che possano rivelarsi il nuovo Menez in fatto di rigori realizzati.

Atalanta

Il principale rigorista della squadra resta il Tanque Denis, peraltro con un tasso di realizzazione sopra l’81%. La prima alternativa resta l’altro terminale principale Pinilla. Più incerta la gerarchia dopo di loro. I nostri esperti Atalanta puntano su Gomez, facendo notare come in assenza dei primi due sia stato provato nelle amichevoli come rigorista, realizzando le due occasioni avute, a differenza di Cigarini e Kurtic.

Bologna

In divenire la situazione felsinea ma il candidato attuale resta sicuramente il nuovo arrivato Brienza, reduce da 3 rigori a segno su 3 a Cesena. Seguono Cacia (che ha trasformato l’unica occasione avuta lo scorso anno) e Acquafresca.

Carpi

Per l’altra neopromossa subito un nome interessante: è quello di Mbakogu che ha realizzato tutti e quattro i rigori avuti lo scorso anno, dimostrandosi uno specialista dagli undici metri. In caso di assenza Bianco resta la principale alternativa.

Chievo

Situazione particolare in casa Chievo: l’anno scorso Pellissier ha segnato un gol su rigore mentre era presente in campo Paloschi. Tuttavia dovrebbe avere un minutaggio inferiore a quest’ultimo che quindi in sostanza potrebbe avere più occasioni – anche se la stagione passata ha avuto una sola possibilità, poi sbagliata. Seguono due “trequartisti” come Mpoku e Birsa.

Empoli

Dobbiamo iniziare a frenare le attese di chi si aspetta un Saponara dagli undici metri, in quanto il ruolo di primo rigorista designato resta di BigMac Maccarone. Più incerta la gerarchia dopo questi due giocatori, con Pucciarelli favorito qualora fosse in campo.

Fiorentina

“Hic sunt leones”, se finora abbiamo potuto stabilire gerarchie affidabili, la Fiorentina degli ultimi anni ha dimostrato di essere ben più di un caso “delicato” in quanto a rigoristi. Giuseppe Rossi resta sicuramente la prima scelta quando giocherà, ma resta un alone di mistero sulla gerarchia. Seguendo i precedenti, l’ipotesi più accreditata porta a Gonzalo Rodriguez, che da difensore quale è resta quindi più che appetibile, ma anche Ilicic (segnando) e Babacar (sbagliando) hanno avuto un occasione nella stagione passata.

Frosinone

Abbastanza chiare le gerarchie per la restante neopromossa: Daniel Ciofani è il primo candidato: con 5 reti dal dischetto in sei occasioni complessive da quanto milita nel Frosinone. Segue Dionisi, con due rigori segnati nella scorsa stagione ed in generale una percentuale di realizzazione ottima. Infine il giovane nuovo arrivato Verde.

Genoa

Grandi attenzioni sull’indiziato principale Perotti: già portatore di ottimi voti, i rigori potrebbero aiutarlo a raggiungere quei +3 che lo porterebbero a ridosso dei top. Tino Costa e Pandev sono invece le alternative per il Genoa.

Inter

Top assoluto di reparto, Icardi resta anche il primo rigorista dopo i quattro segnati (su cinque) nella scorsa stagione. Le alternative principali saranno Palacio (specialista che ha però sbagliato l’ultima occasione la stagione scorsa) ed il nuovo arrivato Jovetic, senza trascurare Hernanes che resta una prima scelta anche per le punizioni.

Juventus

Le partenze di Pirlo, Vidal e Tevez, rendono la situazione Juventus più misteriosa di un giallo di sir Conan Doyle. Si rimanda quindi all’articolo dedicato, ricordando in ordine non definito le candidature di Marchisio, Mandzukic, Dybala e Morata.

Lazio

Situazione stabile in casa Lazio, con Candreva in testa seguito dal nuovo capitano Biglia. Con la partenza di Mauri attenzione a Felipe Anderson come ulteriore scelta.

Milan

Abbondanza di nuovi arrivi e di candidati per un Milan che offre molti +3 dal dischetto a noi fantallenatori. Chiarendo subito che un eventuale arrivo di Ibrahimovic toglierebbe ogni dubbio, ad oggi Menez, nonostante il 100% di realizzazioni dal dischetto non pare essere titolare. Ecco quindi che l’investimento fatto per Bacca lo rende il principale indiziato, seguito da Luiz Adriano e, nome a sorpresa, De Jong, che nel precampionato si è messo in mostra in tal senso.

Napoli

I rigori restano una nota dolente per il  Napoli, che negli ultimi anni non ha trovato una certezza in tal senso neanche con Cavani. La possibilità che Higuain perda il posto – nonostante la stagione disastrosa per i rigori – appare relativamente remota. Le statistiche non sono benevole neanche con Hamsik, mentre restano alternative di livello Mertens Gabbiadini e Insigne.

Palermo

La partenza di Dybala mette Belotti in testa ai candidati. È l’italiano infatti ad aver temporaneamente vinto il duello con Vazquez, stando alle amichevoli precampionato. Attenzione però, dato che non parliamo di specialisti. In questo caso difficile indovinare i designati, anche se Rigoni e Quaison paiono buoni nomi.

Roma

Scontato il nome principale per la Roma: il capitano Francesco Totti. Altrettanto difficile però l’ordine successivo, con Florenzi, Pjanic, Strootman, Ljajic che si sono alternati in queste stagioni, e con nuovi arrivi che potrebbero complicare ulteriormente la situazione.

Sampdoria

Gerarchia stabile dalla scorsa stagione per la Sampdoria, con Eder sicurezza principale. Con la partenza di Eto’o, sembra Muriel il successivo candidato tra i titolari, a seguire anche Barreto e Palombo, che la stagione scorsa ne ha battuto uno.

Sassuolo

Alla ricerca della definitiva consacrazione, Berardi resta il primo battitore. Defrel e Sansone lo seguono, precedendo il centrocampista Missiroli.

Torino

Dopo i 3 centri dello scorso campionato, Quagliarella resta il primo candidato. Seguono Avelar, che da difensore può essere un ottima conferma sul piano dei +3 dopo i quattro rigori con il Cagliari, e Maxi Lopez.

Udinese

L’inossidabile Di Natale si occuperà dei rigori anche nel nuovo Friuli di Udine. In sua assenza Thereau potrebbe restare vice rigorista ai danni di Zapata, che a sua volta precederebbe Bruno Fernandes. Extrema ratio anche a Domizzi.

Hellas Verona

Pur non essendo uno tra i suoi innumerevoli punti forti, Toni resterà rigorista nell’Hellas Verona. I nuovi arrivati Pazzini e Viviani si aggiungono ai candidati successivi, al pari di Juanito Gomez.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy