Napoli, prove tattiche di 4-1-4-1 per la gara con l’Inter

In vista della semifinale di ritorno di Coppa Italia, Gattuso potrebbe apportare delle modifiche al modulo dei partenopei

di Carlo Cecino, @CarloCecino

Nell’attuale permanenza a Napoli, Gattuso si è reso conto di un’importante caratteristica della sua squadra. Può essere duttile e trasformarsi in base alla forza dell’avversario durante le partite. Come riporta La Gazzetta dello Sport, la prima prova tangibile di quest’asserzione si è manifestata a gennaio, nella sfida del San Paolo tra gli Azzurri e la Juventus. Lì Gattuso schierò un Napoli in versione 4-1-4-1, l’abito naturale difensivo del 4-3-3. Quella sera i partenopei resero impossibile l’organizzazione del gioco alla Vecchia Signora, che capitolò 2-1 e il mister ex Milan ingarbugliò alla perfezione le trame tecniche plasmate dal dirimpettaio Sarri.

ORIZZONTE INTER

Stando sempre alla La Gazzetta dello Sport, è probabile che Gattuso si comporti alla stessa maniera contro l’Inter, nella semifinale di ritorno di Coppa Italia di sabato prossimo. Gli Azzurri devono custodire come un tesoro inestimabile il gol di Fabian Ruiz che portò alla vittoria per 1-0 dei partenopei nel match d’andata di San Siro. Perciò fra una settimana, in fase di non possesso Gattuso vorrà far attuare ai suoi giocatori un pressing asfissiante, tramite il modulo 4-1-4-1, andando a inaridire le fonti del gioco nerazzurre. Come successe con Dybala e Pjanic contro la Juve, schermati in ogni momento nell’arco dei 90′. Recuperato il pallone, il Napoli poi sarebbe dotato di ottimi giocolieri palla al piede, del livello di Zielinski, Fabian Ruiz e Insigne, con Mertens unica punta. Perciò per la Rosea, la probabile formazione napoletana nello scontro di Coppa Italia contro l’Inter tra una settimana, vedrebbe Ospina tra i pali. In difesa i due terzini sarebbero Di Lorenzo e Mario Rui, con Maksimovic e il recuperato Koulibaly al centro della retroguardia. Da frangiflutti in mediana spazio a Demme, mentre la linea di centrocampo a 4 sarebbe assortita da Insigne e Callejon sugli esterni, a garantire qualità e anche quantità, con Zielinski e Fabian Ruiz cerniera centrale; in attacco il folletto Mertens.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy