Milan, Rade Krunic alla corte di Giampaolo: esplosione o flop?

Milan, Rade Krunic alla corte di Giampaolo: esplosione o flop?

Il centrocampista bosniaco torna immediatamente in Serie A dopo la retrocessione con l’Empoli. Analizziamo le prospettive al Fantacalcio.

di Fabio Cancemi

Prende gradualmente forma il nuovo Milan targato Marco Giampaolo. Dopo l’arrivo di Theo Hernandez, nella serata di ieri è stato ufficializzato l’ingaggio di Rade Krunic, centrocampista che ha preso parte allo scorso campionato con la maglia dell’Empoli. Cerchiamo di capire cosa possiamo attenderci dal neo-acquisto rossonero che, pur essendo nel mirino di molte società da diverso tempo, ha scelto di abbracciare il progetto Milan.

KRUNIC, LE PROSPETTIVE AL FANTACALCIO

La stagione 2018-2019 ha dato modo a tutti noi di apprezzare le doti del 25enne bosniaco. Rade Krunic è un centrocampista completo, dotato di buona tecnica, tiro dalla distanza, capacità d’inserimento, di rifinitura, corsa e sacrificio. Il neo-acquisto ha terminato lo scorso campionato con 5 reti e 6 assist all’attivo, totalizzando una FM di 6,71.

Cosa aspettarsi dalla nuova avventura in rossonero? Si tratta di un giocatore che, per doti tecniche, duttilità e sacrificio, si sposa alla perfezione con l’idea di calcio di Giampaolo. L’apporto di Krunic al Milan verrà determinato, in maniera cruciale, dal ruolo nel quale il tecnico deciderà di impiegarlo. Partiamo dal presupposto che, probabilmente, l’ex Empoli verrà impiegato nella posizione di mezzala o, al più, nel ruolo di trequartista nel 4-3-1-2. In entrambe le ipotesi, e in attesa di valutare il mercato in uscita, si profilerebbe una concorrenza di tutto rispetto: Çalhanoglu, Kessiè, Bonaventura, ai quali potrebbe aggiungersi Paquetà (in caso di cambio ruolo), per quanto riguarda la posizione di mezzala. Diversa risulterebbe la situazione nel caso di un impiego di Krunic sulla trequarti: il bosniaco potrebbe trovarsi a lottare con lo stesso Paquetà o, in attesa del mercato in uscita, con Suso, senza dimenticare in tutto ciò la soluzione Çalhanoglu.

Il reparto è abbastanza affollato, ma siamo sicuri che il talento ex Empoli possa tranquillamente giocarsi le sue chance. C’è la possibilità che con Giampaolo svolga, in qualche modo e con le dovute proporzioni, la medesima funzione che spettava a Praet nella Sampdoria, quella del centrocampista completo, moderno ed utile in entrambe le fasi di gioco.

In ottica asta, pur riservandoci il beneficio del dubbio in considerazione del fatto di trovarci soltanto ad inizio luglio, Krunic può senz’altro essere preso in considerazione in leghe un po’ più numerose. Il giocatore può costituire una bella scommessa: potrebbe divenire titolare ed assicurare buone prestazioni, così come trovarsi a svolgere il compito di dodicesimo uomo barcamenandosi tra il ruolo di mezzala e trequartista. Le qualità non mancano all’ex Empoli e mister Giampaolo è un ottimo maestro di calcio. Un suo eventuale acquisto, in definitiva, non è da sconsigliare a priori e le sensazioni sul futuro non sono affatto negative.

Scommessa vincente o flop? Ai posteri l’ardua sentenza.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. affezionato - 1 mese fa

    Sono tutte mezze calzette. Senza un mucchio di soldi oggi non si costruisce una squadra competitiva in Europa che è l’obiettivo delle grandi squadre. Ci aspetta un nero periodo di mediocrità. Mentre altre squadre puntano a campioni evidenti il mio povero Milan razzola su squadrette che mollano a prezzi aumentati alcuni decenti, ma non di più, giocatori. Poveri noi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy