Milan, Niang o Cerci come ultimo slot al fantacalcio?

Guida all’acquisto sui due attaccanti del Milan per sciogliere i dubbi dei fantallenatori.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Il ritorno di Niang dall’infortunio apre nuovi scenari per l’attacco rossonero e per i possibili acquirenti del francese nelle leghe del fantacalcio. La situazione nell’attacco rossonero non è ancora chiara e ben definita, Mihajlovic non ha infatti ancora scelto il modulo definitivo e questo implica una certa attenzione sull’acquisto degli attaccanti rossoneri. Tenendo presente gli infortuni di Balotelli, (tempi ancora incerti sul rientro) e quello del lungodegente Menez, (dovrebbe rientrare con l’anno nuovo a gennaio-febbraio), in molte leghe private sono liberi sia Niang e Cerci. Aiutiamo i fantallenatori a scegliere chi tra i due possa fare meglio nel breve-medio periodo e giocarsi il posto nel tridente o come esterno di centrocampo.

Perchè acquistare Cerci?

Partiamo col chiarire che entrambi sono da acquistare come scommessa e ultimo slot per il vostro fantacalcio. Se cercate un titolare sicuro, col voto garantito ogni domenica, statene alla larga, l’unico inamovibile nel reparto avanzato è Carlos Bacca.  Alessio Cerci è tornato alla “ribalta” col cambio di modulo adottato da Sinisa Mihajlovic, dove è diventato titolare per necessità e mancanze di alternative dal 4-3-1-2 al 4-3-3.
Con questo sistema tattico, Cerci ha avuto l’occasione di giocare con più continuità nell’ultimo mese e mezzo, offrendo prestazioni altenelanti. La gara all’olimpico contro la Lazio, sua e della squadra, ha fatto rivedere sprazzi del Cerci ammirato a Torino con Ventura, per tornare nella mediocrità l’ultima partita casalinga contro l’ Atalanta. Alessio Cerci è un ragazzo con qualità tecniche indiscutibili, però ha bisogno di fiducia e continuità, cosa che un grande club, con folta concorrenza non può garantirgli.
Queste le parole di Sinisa Mihajlovic in conferenza su Cerci prima della gara contro l’Atalanta  “Sta giocando bene e migliora di partita in partita. Il problema di Cerci è trovare la continuità durante la settimana, è sempre stato il suo problema. Deve migliorare in questo, tutto il resto viene da solo. E’ uno dei pochi in Italia che riesce a saltare l’uomo, non poteva essersi dimenticato come si gioca a calcio”. Sicuramente  col rientro di tutti gli attaccanti a disposizione, per Cerci sarà più dura  possa trovare spazio, soprattutto in previsione del cambio modulo al 4-4-2, dove dovrebbe fare l’esterno di centrocampo o la seconda punta. In questi casi, avrebbe sicuramente più concorrenza e difficoltà ad avere la continuità che Mihajlovic gli sta garantendo col 4-3-3.

Perchè acquistare Niang?

Il francese, rientrato da poco dopo il brutto infortunio al piede, può essere una bella risorsa per Sinisa Mihajlovic e per chi ha intenzione di acquistarlo nelle proprie leghe. Niang è sicuramente più duttile di Alessio Cerci e può ricoprire tutti i ruoli dell’attacco, -esterno, punta centrale o seconda punta- a differenza dell’ ex granata. Sinisa Mihajlovic, ripone molta fiducia sul ragazzo, tanto che appena ristabilito dall’infortunio l’ha fatto partire dal primo minuto contro l’Atalanta nell’ultima partita, come esterno nel tridente al posto dello squalificato Bonaventura.
Nell’ultimo anno a Genova sotto la guida di Gasperini, il ragazzo ha avuto una crescita esponenziale sotto l’aspetto tecnico e tattico e punta a ritagliarsi il suo spazio nel Milan, pur conscio di una forte concorrenza.
Interessanti le parole di Niang nel dopo gara del match contro l’Atalanta a Premium Sport: “Dopo tre mesi sono stato orgoglioso di tornare a San Siro da titolare. Ho chiesto il cambio perchè non ce la facevo più e non volevo far giocare la squadra in dieci”.
Poi sul suo ruolo “Ho sempre detto di essere una punta centrale, ma con il 4-3-3- il mister mi vuole più a sinistra mentre con il 4-4-2 è differente. Io mi trovo bene sia a sinistra che centrale“.

Insomma, chi prendere tra Cerci e Niang al Fantacalcio?

Ricordando che nessuno dei due vi garantisce titolarità, veniamo alla scelta finale. Se dovessimo puntare qualche fiches, diremmo Niang, per via della sua crescita e la sua duttilità che lo porta a ricoprire tutti i ruoli dell’attacco. Il francese dà anche l’idea di essere più propenso al bonus rispetto a Cerci, che fatica ad arrivare alla conclusione. Altro tassello che pende a favore del francese è la possibilità che a gennaio possa cambiare aria, per una completa maturazione, in quel caso potrebbe diventare un crack al fantacalcio.
E voi su chi punterete?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy