La Fiorentina potrebbe passare alla difesa a tre

La Fiorentina potrebbe passare alla difesa a tre

Contro la Lazio il cambio tattico di Pioli ha dato il via alla rimonta

di Nello Fiorenza

La svolta nella gara contro i biancocelesti è arrivata nel secondo tempo, quando mister Pioli ha varato una linea difensiva con i tre centrali: fuori un cursore, il francese Laurini, e dentro Vitor Hugo. Il difensore brasiliano si è piazzato al centro della retroguardia con Pezzella e Astori ai suoi fianchi.
Una mossa in apparenza difensivistica che però ha fatto guadagnare altro campo ai viola, permettendo di liberare le vie centrali dalla morsa del centrocampo avversario. In questo schieramento Chiesa, il giocatore più talentuoso della truppa di Pioli, si è distinto da «tuttocampista», ovvero da uomo a tutta fascia sulla corsia di destra. Così come già era successo sotto la gestione di Paulo Sousa. È proprio sulle fasce che qualitativamente manca qualcosa alla Viola.
Il passaggio alla difesa a 3 sembra però essere stato dettato dall’andamento della partita e dalla necessità di recuperare lo svantaggio iniziale. Non è detto che questa mossa non sia riproposta anche in un prossimo futuro, magari non in corso d’opera, ma anche quale accorgimento tattico da provare in avvio di gara. In serie A la Fiorentina nella classifica delle reti subite è settima (con 19 reti incassate) e nel calcio, si sa, spesso vince chi subisce meno; solamente in tre partite – quelle con Verona, Benevento e Torino – Sportiello è riuscito a mantenere inviolata la porta.
Una soluzione tattica più accorta, quella con i tre centrali, che potrebbe mettere un freno ai problemi della retroguardia gigliata. Una novità da tenere d’occhio specialmente sotto il lato fantacalcistico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy