Inter, finalmente Vidal: le gerarchie nel centrocampo di Conte

Il cileno è il nuovo regalo per il tecnico nerazzurro, che potrà quindi ridisegnare il suo centrocampo.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Antonio Conte desiderava averlo di nuovo a sua disposizione. E ora quel desiderio è realtà: Arturo Vidal è ufficialmente un calciatore della sua Inter ed è pronto a ricostruire con lui l’idillio vissuto assieme ai tempi della Juventus. E vuole farlo fin da subito, visto che già questa mattina il cileno ha partecipato all’allenamento nerazzurro con tutte le intenzioni di scendere in campo sabato sera contro la Fiorentina.

Musica per le orecchie del tecnico interista, che non vedeva l’ora di poter usufruire di un centrocampista capace di incursioni letali nell’area di rigore avversaria, in modo da poter contare anche sui goal dalle retrovie oltre che su quelli della consolidata coppia d’attacco formata da Lukaku e Lautaro Martinez. Per far sì che ciò avvenga, e per poter quindi sfruttare appieno le qualità di Vidal, mister Conte potrà continuare a usare i due moduli standard che stanno contraddistinguendo il suo credo calcistico nella Milano nerazzurra, vale a dire il 3-5-2 e il 3-4-1-2.

COME CAMBIA IL CENTROCAMPO CON VIDAL

In caso di 3-5-2, Vidal andrà a occupare il posto di mezzala sinistra, con Barella che agirà da mezzala destra e con uno tra Brozovic e Sensi nel ruolo di regista. Il quintetto si completerebbe poi sugli esterni con Hakimi a destra e Ashley Young a sinistra. In tal senso, colui che rischia seriamente il posto è Eriksen, che scalerebbe nelle gerarchie diventando così la prima riserva di lusso proprio di Vidal. Accanto al danese, in panchina dovrebbero accomodarsi Gagliardini, che rimane come alternativa a Barella, e Nainggolan, che potrebbe dunque ritornare seriamente al Cagliari da qui a fine mercato.

La probabile formazione: Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Vidal, A.Young; Lukaku, L.Martinez.

Con il 3-4-1-2 invece, Vidal si giocherebbe il posto di trequartista alle spalle del duo offensivo proprio con Eriksen. Ma anche qualora quest’ultimo dovesse avere la meglio, Vidal rimarrebbe comunque titolare in quanto si accomoderebbe nella mediana a due assieme a Barella, con gli inamovibili Hakimi e Ashley Young padroni delle fasce. Oltre a Gagliardini quindi, a restare fuori dall’undici di Conte sarebbero Sensi e Brozovic, anche se c’è da capire ancora il futuro di quest’ultimo, che potrebbe pure accasarsi altrove entro il 5 ottobre.

La probabile formazione: Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Vidal, A.Young; Eriksen; Lukaku, L.Martinez.

VIDAL AL FANTACALCIO

Al Fantacalcio Vidal arriva un gradino sotto ai vari top di reparto, come Luis Alberto, Gomez e Kulusevski, ma è in grado di garantirvi la titolarità assoluta nel centrocampo dell’Inter. Inoltre, è potenzialmente destinato a mettere a segno un discreto bottino di bonus, tra goal e soprattutto assist, per cui il suo aiuto potrebbe rivelarsi fondamentale all’interno delle vostre fantarose. In sede d’asta dunque, fateci più di un pensierino, arrivando a investire su di lui circa il 10% del vostro budget: questo vuol dire che in una lega a 8, con 500 fantamilioni a disposizione, potete arrivare a spendere un massimo di 50 fantamilioni per assicurarvi le prestazioni di Vidal.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy