Inter, Barella: ora Conte ha il motore per la fuori serie

Inter, Barella: ora Conte ha il motore per la fuori serie

L’ex cagliaritano sarà il perno del centrocampo nerazzurro nella prossima stagione, garantendo tecnica e “polmoni” ai nerazzurri.

di William D'Alessandro

Nicolò Barella è a tutti gli effetti un giocatore dell’Inter. Così come ormai ampiamente lasciato intendere nelle settimane scorse, il talento cagliaritano sarà a disposizione della rosa di Antonio Conte, andando a chiudere il cerchio nella costruzione di un centrocampo che, adesso, appare davvero completo e competitivo.

INTER-BARELLA: LE CHIAVI TATTICHE

L’esclusione di Nainggolan dal progetto nerazzurro per la prossima stagione non poteva essere “coperta” esclusivamente con l’acquisto di Stefano Sensi, in via delle diverse qualità tecnico-tattiche dei due. Per questo, l’acquisto di Barella rappresenta non solo l’accondiscendenza verso un “capriccio” dell’allenatore, ma anche la risposta ad una precisa esigenza di assetto degli equilibri della mediana interista.

Corsa, contrasti, caparbietà, tecnica e piedi educatissimi sono le armi che Nicolò porterà in dote allo scacchiere nerazzurro, componendo con Brozovic una coppia, sulla carta, davvero ben assortita. In un centrocampo a 5 molto dinamico come quello di Conte, Barella rappresenta quel “tuttocampista” in grado di garantire quantità e qualità sia nella zona mediana che sulla trequarti, perfetto nell’inserimento e nella lettura delle sovrapposizione degli esterni.

Chiamato al grande salto, avendo già dimostrato anche in Nazionale di esserne assolutamente pronto, l’ex rossoblù dovrà dimostrare di essere più di un diamante grezzo, magari limitato da qualche atteggiamento troppo istintivo (leggasi cartellini), diventando quel giocatore che  serve all’Inter per fare il tanto agognato salto di qualità.

BARELLA, È UN GIOCATORE DA FANTACALCIO?

Nel centrocampo di Maran, la scorsa stagione, Barella ha svolto praticamente tutti i ruoli del centrocampo: regista, mezzala, incontrista e talvolta anche trequartista, dimostrando una polivalenza totale nella zona nevralgica del campo. Lo scarso score realizzativo dell’anno passato non deve trarre in inganno chi vorrebbe puntare su di lui alla prossima asta, perché i benefit del giocatore sono altri.

Dotato di un piede ottimo, Barella è spesso coinvolto nella manovra d’attacco, non lesinando mai di battere calci d’angolo e calci di punizione. Certo, l’Inter non è il Cagliari, e soprattutto nei calci piazzati troverà tantissima concorrenza, ma il gioco di Conte non è quello di Maran e i centrocampisti godono di un raggio d’azione ben più orizzontale, permettendo inserimenti con e senza palla, cose nelle quali Barella è bravissimo e che spesso nella manovra dell’allenatore leccese si tramutano in occasioni da gol (chi ha detto Vidal?!?).

Se riuscirà a limare il difetto del cartellino facile dunque, Barella si presenta come un sicuro oggetto del contendere delle prossime aste di Fantacalcio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy