Genoa, tra l’infortunio di Criscito e la palma di nuovo rigorista

Genoa, tra l’infortunio di Criscito e la palma di nuovo rigorista

Il capitano del Grifone starà fuori circa un mese e mezzo; ci sarà un nuovo rigorista genoano nel frattempo.

di Carlo Cecino, @CarloCecino

Oltre alla sconfitta con il Milan di sabato scorso e un ambiente scosso da un possibile cambio di allenatore, un’altra cattiva notizia ha smosso il Genoa: l’infortunio di capitan Domenico Criscito. Gli esami strumentali svolti ieri dal numero 4 genoano hanno palesato una “lesione di secondo grado a carico del muscolo semitendinoso della coscia sinistra“, che stando a Il Secolo XIX significano sei settimane di stop. Un mese e mezzo di pausa, in cui il Genoa dovrà fare a meno in difesa del suo simbolo che salterà molto probabilmente le sfide con Parma, Brescia, Juventus, Udinese e Napoli, rientrando per Spal-Genoa di fine novembre. E per la trasferta di Parma al rientro dalla sosta per le Nazionali la retroguardia rossoblù sarà priva pure degli squalificati Romero e Biraschi; emergenza totale in difesa.

LA QUESTIONE RIGORISTA 

Con Criscito il Genoa perderà per più di un mese anche il suo rigorista titolare. Criscito sinora aveva fatto due su due in campionato contro Roma e Atalanta, ma sabato contro il Milan, con il capitano infortunato, sul dischetto si è presentato Schone, che tuttavia ha sbagliato. Un problema non da poco per il Genoa, anche se con tutta probabilità, come spiega Il Secolo XIX, il danese si ripresenterà sul dischetto nel caso in cui al Grifone verrà assegnato un calcio di rigore nel periodo d’assenza di Criscito. Con i fantallenatori di Schone che si augurano possa rifarsi dall’errore, mentre quelli di Criscito non vedono l’ora che il mancino ex Zenit torni a giocare e regalare altri bonus pesanti dagli undici metri.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy