Genoa, Romero: esordio da top player

Genoa, Romero: esordio da top player

Il Genoa ferma la Juventus sull’1-1 anche grazie alla superba prestazione del difensore Cristian Romero.

di Massimo Angelucci

Il Genoa ieri ha clamorosamente e inaspettatamente bloccato la Juventus sul pareggio. Un 1-1 firmato Daniel Bessa che per i genoani e per il tecnico Juric, tornato sulla panchina del Grifone, conta come una vittoria. I bianconeri, a cui non è bastato Cristiano Ronaldo al suo  quinto goal in Serie A, sono apparsi molli e deconcentrati soprattutto nel secondo tempo, quando sono sembrati già con la testa a Manchester. Dare però solo demeriti alla Juventus non ci pare una cosa corretta, visto che il pareggio genoano è scaturito anche da un’ottima prestazione dei rossoblù, che rimanendo concentrati per tutto il match hanno brillantemente approfittato della défaillance difensiva bianconera.

ROMERO, UN ROOKIE CHE SEMBRA GIÀ UN VETERANO

Ma c’è un giocatore che più di tutti merita una menzione particolare tra le fila di Juric. Si tratta del difensore argentino Cristian Romero, ieri al suo esordio nella massima serie italiana che, nella cornice dell’Allianz Stadium, non si è lasciato intimorire dal pubblico bianconero e dalla caratura del suo avversario. Ha guardato la Juventus negli occhi ed è riuscito a rispondere colpo su colpo ai fuoriclasse bianconeri che a turno gli passavano davanti in cerca del goal della vittoria. A tal proposito si potrebbero dire tante cose, si potrebbe tirare in ballo la fortuna, la giornata storta della Juventus e tanto altro ancora, ma è giusto riconoscere i meriti di un ragazzo che, di fronte alla montagna più alta che c’è in questo momento in Italia, è riuscito a scalarla con successo e a superarla.

A soli 20 anni un esordio con tale personalità attirerà sicuramente l’attenzione di tantissimi dirigenti, sia di top club italiani che esteri, soprattutto nel caso in cui Romero darà seguito a questa superba prestazione. Il Presidente del Genoa Enrico Preziosi si starà fregando le mani pensando anche alla possibile maxi plusvalenza che può avere se continuerà questa crescita imperiosa. Difatti, il ragazzo è stato prelevato dal Belgrano per una cifra irrisoria, appena 1.6 milioni di euro, e dalle parti di Genova sperano di poter fare una parabola simile a quella del bomber polacco Piątek, autore di 9 goal in 8 partite. È ancora prematuro fare questi discorsi, ma gli ingredienti per un nuovo exploit ci sono tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy