Genoa: Bessa sottotono, Pandev inamovibile e su Romulo…

Genoa: Bessa sottotono, Pandev inamovibile e su Romulo…

L’avvio di campionato del Genoa è stato caratterizzato da alti e bassi. I rossoblu sono alla ricerca di una nuova solidità e in tutto questo ci potrebbero essere dei segnali interessanti al Fantacalcio, in particolare per alcuni interpreti.

di Riccardo Corsano, @riccardoc9

Dopo quattro match di campionato, il Genoa di Ballardini sta cercando il giusto equilibrio su cui battere la strada da percorrere lungo il campionato. La pesante sconfitta subita a Reggio Emilia ha portato il coach dei rossoblu a passare ad un più conservativo 3-5-2 nella sfida contro il Bologna di domenica.

Piatek e Pandev rimangono le certezze attualmente nello scacchiere tattico della squadra, insieme a Spolli e Marchetti, che con una grande prestazione ha scacciato i dubbi posti su di lui durante la sosta. In più Criscito ha dimostrato di poter fornire con continuità prestazioni di livello. In squadra, però, ci sono ancora diversi dubbi su alcuni interpreti. Qui ne analizziamo qualcuno e diamo indicazioni sul resto della rosa del Genoa fornite dai nostri esperti, il tutto da tenere a mente in ottica Fantacalcio.

GENOA, TUTTE LE INDICAZIONI NECESSARIE AL FANTACALCIO

Partiamo in ordine, reparto per reparto, senza analizzare la situazione portieri considerando quanto detto in precedenza su Marchetti.

DIFESA: partendo dal fatto che Spolli rimane ancora il centrale in difesa a 3, al suo fianco pare che Biraschi si confermi sul centro-destra con una certa continuità. Non è un profilo molto noto, appunto per questo è da monitorare nell’arco della stagione, magari con occhio alle aste a gennaio. Per chi lo ha già in rosa, lo può considerare un titolare da incasellare come 7-8 slot.

A sinistra invece, dopo la prestazione incoraggiante di Gunter, può aprirsi il ballottaggio con Zukanovic che ad ora pare in ritardo di condizione. La sua partenza con la nazionale ha favorito l’esordio dal primo minuto del centrale tedesco di origini turche, rimasto a Pegli a preparare la partita. Quindi attenzione, potrebbe aprirsi questo dualismo.

CENTROCAMPO: qui le indicazioni sono parecchie. Sandro è sulla via dell’esordio in campionato dopo i problemi subiti nel precampionato. Il suo apporto alla squadra, però, sarà più funzionale al calcio giocato che al Fantacalcio. Infatti andrà a ricoprire i compiti che furono di Bertolacci lo scorso anno, per cui ci saranno da aspettarsi tante presenze e pochi bonus.

Hiljemark è apparso sottotono, non dovrebbe rischiare il posto visto che il tecnico ha una considerazione positiva nei suoi confronti. Mentre Romulo è ancora da inquadrare: rimane il solito jolly in grado di giocare in ogni posizione, ma pare che non abbia ancora trovato spazio per le sue galoppate in maglia rossoblu. Rimane affidabile, ma da lui è lecito attendersi di più. Prima di lanciarlo nuovamente tra i titolari, attendete un suo rilancio.

Inoltre, pare che l’esperimento Bessa da trequartista nel 3-4-1-2 non sia andato a buon fine. Nel momento in cui tornerà mezzala può rivelarsi invitante anche al Fantacalcio, per ora meglio stare lontani.

ATTACCO: Piatek e Pandev sono inamovibili, il primo per ovvi motivi, il secondo per tutto il lavoro oscuro – e non – che fornisce respiro all’intera manovra del Grifone. Il nome a sorpresa può essere Kouamé: a segno in casa contro l’Empoli, nel match di domenica al suo ingresso in campo ha aperto e sfruttato gli spazi concessi dalla stanca difesa dei felsinei. Per Ballardini può rivelarsi un’arma da utilizzare a partita in corso, da lui potete attendervi un leggero balzo in avanti nelle gerarchie di squadra.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy