Focus on – Omar Colley, Sampdoria: la scheda al Fantacalcio

Il centrale difensivo gambiano è l’ultimo acquisto della Sampdoria. Viene dalla fucina di talenti del Genk e sarà presumibilmente il prossimo compagno di reparto di Silvestre.

di Riccardo Corsano, @riccardoc9

La Sampdoria batte il primo colpo della sua sessione estiva di calciomercato: Omar Colley è il primo regalo di Ferrero a Giampaolo. Il difensore centrale proviene dal KRC Genk, squadra che milita nella Jupiler Pro League, la massima serie del calcio belga. La trattativa imbastita si è ufficializzata ieri e il capitano della Gambia arriva a Genova per 7 milioni e 750mila euro, più 2 milioni di bonus.

Colley approda in Italia dopo anni di esperienze tra le squadre del paese nativo, dove tra l’altro ha vinto il titolo nazionale, e i campionati del Mar Baltico. Milita dal 2016 nel Genk, la stessa piazza che ha omaggiato il campionato italiano della presenza di talenti come Milinkovic-Savic e Koulibaly. 

OMAR COLLEY, LA SCHEDA AL FANTACALCIO

Difensore centrale, classe 1992, alto 192 centimetri. Per stazza è stato subito paragonato al gigante partenopeo e il suo punto di forza è l’impatto fisico sui match, infatti Colley è molto forte nell’anticipo dei passaggi e nei contrasti singoli. Nell’ultima stagione ha collezionato 37 presenze sulle 37 a disposizione, con 3300 minuti giocati: sempre in campo, con grande costanza, un solo goal sul tabellino e 9 gialli. Ha già disputato match in competizioni continentali come l’Europa League, dove quest’anno ha incontrato un’altra squadra italiana, il Sassuolo.

Le sue stagioni in carriera sono state tutte molto simili: tante presenze, tanti minuti e, in genere, un goal nell’arco dell’anno.

Ora, il suo impatto con il calcio nostrano è tutto da valutare. Il Genk tendenzialmente prova a lustrare i propri talenti e metterli nelle condizioni migliori per essere rilanciati nel calcio europeo. La retroguardia blucerchiata quest’anno è stata uno dei punti deboli della squadra di Giampaolo e, dopo gli interessi del Parma per Viviano, si pensa che stia prendendo vita un restauro. Gianmarco Ferrari non è stato riscattato, anche perché non ha garantito sicurezza con continuità, visto che ha faticato a difendere quando la squadra entrava in apnea una volta allargato il campo dagli avversari. Con un maggiore predominio fisico sul rettangolo di gioco, previsto dall’inserimento di Colley, si potrebbe ovviare questa difficoltà.

Il centrale gambiano, considerato l’investimento, avrà grandi possibilità il prossimo anno di confermare quanto di buono intravisto nella sua esperienza belga. Per il momento è insidiato solamente dal giovane Andersen, che ha dimostrato ampi margini di miglioramento. Ma attenzione: prima di rendere al meglio nel nostro campionato, sarà necessario un rodaggio tattico da parte del mister blucerchiato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy