Fantacalcio Milan: Bonaventura, Calhanoglu, Suso, uno è di troppo

Da Bonaventura a Calhanoglu per finire a Suso, scopriamo i primi possibili dualismi dopo l’avvio di stagione della squadra di Montella, per affrontare al meglio l’asta del Fantacalcio.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Che bello il nuovo Milan! E’ quello che pensano le migliaia di fantallenatori che già pregustano l’asta quando verranno chiamati i giocatori rossoneri. Ma occorre stare con i piedi per terra, anche se la roboante vittoria per 4-0 del Milan contro i tedeschi del Bayern Monaco  del grande ex Carlo Ancelotti fa “rumore”.

Il calcio di agosto spesso inganna e molte volte quando pensi di salire in quota sbatti per terra. Si è passati dalla sconfitta contro il Borussia Dortmund a rifilare quattro gol ai campioni di Germania indossando l’abito di gala. Quello che ha impressionato nei ragazzi di Montella è la velocità della circolazione di palla, la squadra corta e già una buona condizione fisica che fa ben sperare nel primo appuntamento ufficiale della stagione: l’andata del preliminare di Europa League contro il Craiova.

MILAN CHI SALE

FC Bayern v AC Milan - 2017 International Champions Cup ChinaKessiè: Impressiona già la sua condizione fisica, lo trovi ovunque. In un lasso di tempo passa  dalla difesa a incursore nell’area avversaria pronto a chiudere a rete una azione corale, come è successo contro il Bayern Monaco.

Biglia: Entrato nel secondo tempo  al posto di Montolivo (problemi alla caviglia), sembrava giocasse da sempre con il Milan. A testa alta, pronto a far ripartire l’azione, uno studente perfetto.

Ricardo Rodriguez: Dopo aver passato una notte insonne con la centrifuga Dembele del Borussia Dortmund, riesce ad arginare un cliente scomodo come Coman. Spinge sulla fascia che è un piacere, la combinazione Rodriguez-Niang-Rodriguez che ha portato il primo gol di Kessie è fantastica, altro assist  per Cutrone da palla inattiva.

Niang-Cutrone: I migliori in campo. Il francese passa dall’anonimato della partita contro il Borussia Dortmund al protagonismo assoluto contro il Bayern Monaco. Quando parte non lo ferma nessuno, un’iradiddio, imprendibile, se solo avesse più continuità non sarebbe sul mercato… Cutrone invece è la rivelazione dell’ultima amichevole: una doppietta da sogno, alla “Belotti” e se giocasse lui il preliminare di Europa League?

Calhanoglu: Un tempo per confermare la sua classe con un grande gol dalla distanza.

MILAN CHI SCENDE:

Andrè Silva: E’ ancora lontano dalla miglior condizione, ma ha le qualità per diventare un punto fermo dell’attacco rossonero. I tifosi non devono storcere il naso, CR7 garantisce per lui.

Borini: Durante la stagione sarà un’ottimo elemento per far rifiatare i titolari. E’ il meno appariscente ma ci mette sempre cuore e grinta, poco lucido in fase conclusiva. Crescerà.

Montolivo: Ancora imballato nei duelli fisici, ma ha la capacità di far correre il pallone. Sarà una stagione sotto l’ombra di Biglia.

FANTACALCIO MILAN: I POSSIBILI DUALISMI

Suso: E’ curioso vedere Suso fuori dalla possibile formazione titolare. D’altronde la super campagna acquisti condotta fino ad oggi dalla dirigenza rossonera può non trovare posto lo spagnolo, che aspetta il rinnovo del contratto. Ora Suso è impegnato a Milanello con Romagnoli per recuperare dai suoi problemi fisici, ma una volta ristabilito sarà ancora insostituibile?

Il nodo principale è il modulo. Se Montella continuerà con il 4-3-3, il vero antagonista ad oggi per lui è Borini. In questo caso la classe di Jesus non avrebbe problemi a superare nel ballottaggio l’ex giocatore della Premier League. L’insidia vera è un’altra: se Montella optasse per il probabile 3-5-2 allora Suso dovrebbe adattarsi nel ruolo di esterno alto a destra dove c’è Conti, oppure mezzala dove gioca Kessiè. Davanti è difficile che giochi al posto di Andrè Silva, in attesa di un’altra punta che arriverà per rafforzare la rosa.

FC Bayern v AC Milan - 2017 International Champions Cup ChinaBonaventura: Jack è il vero jolly di Montella. Dopo il lungo infortunio è considerato da Montella come un “nuovo” acquisto. Il tecnico napoletano farà di tutto per trovargli una posizione in campo. L’ex bergamasco è un punto di riferimento del gruppo, ma soprattutto un giocatore duttile: può avanzare nel tridente offensivo o abbassarsi nel ruolo di mezzala. Il suo alter ego è Calhanoglu, per Montella un bel enigma e un ballottaggio aperto a qualsiasi soluzione. Una cosa è sicura: uno tra Bonaventura, Suso e Calhanoglu è di troppo nella formazione titolare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy