Fantacalcio, i calciatori che non sono più titolari

Fantacalcio, i calciatori che non sono più titolari

I giocatori delle squadre di Serie A che al fantacalcio non possono più garantire di essere titolari perchè diventati panchinari

di Redazione Fantamagazine

Tutti sanno che per costruire una degna squadra al fantacalcio bisogna acquistare una certa dose di calciatori titolari, ovviamente a basso costo, utili a tappare i buchi durante la stagione. Sono proprio quei giocatori acquistati ad 1 credito che, molte volte, sono in grado di fare la differenza con la loro banale e fondamentale sufficienza o con il bonus inaspettato. Prima dell’asta di inizio campionato ogni fantallenatore che si rispetti prepara la sua bella lista di nomi con il (solo) dono indiscusso della titolarità, tuttavia le premesse non vengono sempre mantenute e le gerarchie delle compagini di Serie A cambiano. Prenderemo in esame tutti i calciatori che attualmente hanno perso il posto da titolare che gli sarebbe dovuto spettare.

I calciatori passati da titolari a panchinari

Federico Barba: Si riteneva che il posto lasciato da Rugani fosse senza alcun dubbio suo. Considerando anche qualche incornata di testa vincente (due la scorsa stagione), uno tra i migliori difensori low cost era senza dubbio Federico Barba. Tuttavia il compagno dell’indiscusso titolare Tonelli sembra essere diventato Andrea Costa. L’ex difensore del Parma ha fatto accomodare Barba in panchina nelle ultime tre partite della squadra di Giampaolo.

Zeljko Brkic
: Ha giocato 4 partite, in cui ne ha presi ben 12. L’esonero di Castori sembra aver dato la mazzata definitiva all’ex portiere dell’Udinese. Infatti, sembra che il nuovo estremo difensore titolare del Carpi sia Belec, schierato dal primo minuto nella partita contro il Torino. Se prima era non utilissimo acquistarlo in quanto portiere della squadra meno attrezzata, figuratevi ora che ha perso il posto.
Leandro Castan: Dopo aver vinto la partita più importante contro un tumore, il difensore brasiliano è tornato arruolabile e disponibile a Rudi Garcia. Avrebbe dovuto comporre la coppia centrale assieme a Manolas, ma questo è avvenuto soltanto nella prima gara di Serie A contro l’Hellas (giocata male dal brasiliano). Poi nessun altra presenza. De Rossi è diventato ormai il centrale titolare della Roma, Castan non può più essere considerato un panchinaro.

Vlaad Chiriches: Sembrava aver convinto Maurizio Sarri, quest’ultimo alla ricerca di una coppia centrale capace di evitare la riproposizione dello scempio di goal subiti dal Napoli nelle passate stagioni. Titolare nella prima partita contro il Sassuolo ha deluso, non poco. Ha avuto un’altra occasione alla terza giornata contro l’Empoli, ma anche al Castellani non ha fatto bene. Da quel giorno si è affermata la coppia Koulibaly-Albiol e il romeno non ha più visto il campo.

Luca Cigarini: Ha giocato la miseria di 40 minuti. Calciatore che storicamente ha preso tanti cartellini, ma che ne ha giocate tante ed è stato anche capace di regalare qualche goal da palla inattiva. Sarebbe dovuto essere titolare fisso dopo la partenza di Baselli, ma il ruolo davanti la difesa gli è stato soffiato da De Roon.

Lorenzo Crisetig: Giovane per cui gli addetti ai lavori hanno speso belle parole. Delio Rossi gli aveva affidato le chiavi del centrocampo del Bologna, ma le prestazioni negative nelle prime giornate di Serie A sommate all’exploit di Pulgar e Diawara hanno fatto passare Crisetig da titolare a panchinaro.

Dario Dainelli: Il Chievo è ormai da tempo una sicurezza in casa, infatti al Bentegodi la squadra clivense subisce davvero poco. L’appetibilità di portiere e difensori quindi, è tutt’altro che indifferente. Ad agosto uno tra i difensore più appetibili per titolarità, buoni voti e malus contenuti rispondeva al nome di Dario Dainelli. Tuttavia Maran ha cambiato le gerarchie, dando fiducia alla coppia Cesar-Gamberini, avendo ragione (Gamberini è nella top 5 dei difensori).

Nigel De Jong: Lo si catalogava come un centrocampista capace di garantire il voto tutte le giornate, tante ammonizioni e qualche golletto (3 l’anno scorso). L’olandese ha giocato da titolare le prime due partite, ma entrambe le prestazioni sono state abbondantemente insufficienti. Questo ha portato Mihajlovic a dare una maglia da titolare a Kucka e riscoprire Montolivo, sentenziando così il passaggio da titolare a panchinaro per Nigel De Jong.

Stefan Radu: La poca tecnica, i diversi cartellini e gli scarsi bonus del terzino romeno erano in un certo controbilanciati dalla sua titolarità. Le prime quattro partite giocate da Stefan Radu sono state a dir poco disastrose, e anche fatali per il romeno. Pioli ha deciso di non aspettare ulteriormente e, quindi, di piazzare Senad Lulic nel ruolo di terzino sinistro. Dopo diversi anni di onorato servizio, sembra essere arrivato il momento di accomodarsi in panca per Radu.

Mario Suarez: Sembrava essere l’unico titolare certo nel centrocampo della Fiorentina. Esperienza internazionale, carisma  e affidabilità, questo il menù che presentava l’ex calciatore dell’Atletico Madrid. Le cose sono cambiate, inaspettatamente, dall’inizio del campionato ad oggi. Mario Suarez ha giocato, come previsto, le prime quattro partite da titolare in maniera accettabile. Prima di scomparire. Paulo Sosa ha deciso di accantonare il centrocampista spagnolo, concedendo più spazio a Badelj e Vecino.

Mirko Valdifiori: Il centrocampista del Napoli non ha semplicemente iniziato la stagione in maniera orribile, ma ormai ha anche perso il posto. Sarri gli ha dato fiducia finchè ha potuto, ma il cocktail composto dalle brutte prestazioni dell’ex Empoli e dal ritorno in forma di Jorginho è risultato letale per Valdifiori. Panchinaro.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy