Saranno +3: Diakhatè, talento della Fiorentina tutto da scoprire

Il classe 98′ gigliato ha sbalordito tutti gli addetti ai lavori, Paulo Sousa in primis

di Francesco Spada, @MoradinGE

“La Fiorentina lo ha visto in un parco pubblico e non se lo è lasciato sfuggire, ora dovrà faticare per tenerselo” Diakhate nato il 31 Dicembre 1998, non ha ancora compiuto 17 anni ma ha già fatto innamorare Sousa e i tifosi viola. Il giocatore senegalese, notato in dei giardinetti pubblici,  è oramai cercato da mezza europa grazie alle sue prestazioni eccezionali nella primavera Gigliata. Centrocampista centrale, è stato utilizzato anche come regista davanti alla difesa, ma è da mezzala che ha fatto vedere tutti i suoi pregi.

Prestanza fisica

Fisico robusto e dinamico, padroneggia in mezzo al campo contro i suoi pari età, portandolo cosi ad essere impiegato in primavera a soli 15 anni , dopo aver ottenuto con gli allievo un ruolino di marcia pari a 9 presenze e 6 reti segnate, esordisce nella parte finale della stagione 30 minuti contro il Crotone, da li titolare nelle restanti 4 partite mancanti. Avendo convnto del tutto il mister, nella stagione appena disputata gioca ben 21 partite segnando 9 gol nel campionato primavera , guadagnandosi di diritto il ritiro con la prima squadra. Pur essendo fisicamente molto avanti rispetto ai suoi pari età, deve ancora completamente svilupparsi per non sentire lo stacco di “generazione” rispetto ai giocatori della massima serie italiana, ma ha grinta da vendere e non tira mai indietro la gamba, mentalmente quindi già molto avanti.

Capacità di inserimento

Al sua fisicità si aggiunge un ottimo dinamismo in campo, unito poi ad un ottimo senso di inserimento offensivo lo rende molto appetibile anche in zona gol ( come visto in primavera), esempio lampante il gol annullato contro il Carpi in questo pre-stagione ( palla uscita sul cross di Joaquin) e dell’occasionissima contro il Psg dove però il rimbalzo di palla lo ha tradito. Sa giocare bene con entrambi i piedi, Diakhatè non disdegna nemmeno di cercare giocate decisive, riuscisse a migliorare anche quest’aspetto potrebbe diventare il nuovo Pogba ( come già alcuni giornalisti lo hanno definito), anche se il paragone è quantomeno prematuro.

Utilità fantacalcistica

Essendo molto giovane e alla prima esperienza in una squadra di A, parte indietro nelle gerarchie, ma  può essere etichettato con lo status di scommessa come ottavo slot a centrocampo , sempre se resterà a  disposizione di Sousa a fine mercato, visto che l’ipotesi prestito non è da scartare. Inoltre potrebbe occupare, per chi lo usa,  lo slot primavera.  

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy