Consigli Fantacalcio, Serie A: il punto sui difensori tra top, semi-top, seconda e terza fascia

Un buon reparto difensivo o il difensore giusto possono valere più di tanti centrocampisti

di Gian Luca Losi

L’acquisto giusto di un difensore può rivelarsi migliore, in termini qualità-prezzo, di tanti centrocampisti. Allo stesso modo, puntare sul modificatore di difesa può assicurarvi fino ad un +6 e quanti centrocampisti vi garantiscono questo rendimento? Molto pochi in realtà. Pertanto, vi consigliamo di non sottovalutare la costruzione della difesa nelle vostre rose perché vi può regalare diverse soddisfazioni e per questo vi aiutiamo a scegliere i migliori nel ruolo con la seguente analisi.

TERZA FASCIA

I giocatori di terza fascia sono quei calciatori che hanno l’unico scopo di non lasciarvi in 10. Pertanto, come unico pregio hanno la titolarità e nel reparto difensivo non sono poi così tanti. Andiamo a scoprirli: Chancellor, Bani, Murru, Larsen, Gunter, Pisacane, Lucioni, Toljan, Romero, Rossettini, Colley, Vicari, Cistana, Danilo Lar (anche se quest’anno qualche partita l’ha saltata) e Musacchio. Anche se non consigliamo di fare troppe coppie in difesa, una potremmo concedervela scegliendo tra: Aina-De Silvestri, Mario Rui-Ghoulam, Calabria-Conti.

SECONDA FASCIA

I giocatori di seconda fascia sono quei calciatori che generalmente hanno un rendimento altalenante, ma non si discostano troppo dalla Fantamedia del 6 e hanno la titolarità certa. Rispondono a questa descrizione Djimsiti (attenzione però all’arrivo di Caldara), Palomino, Darmian, Rrahmani, Luiz Felipe, Iacoponi, Gagliolo, Ekong, Caceres, Ceppitelli (che tuttavia sta rientrando da un infortunio), Klavan, Dalbert, Radu e Nuytinck (da quando è arrivato Gotti sulla panchina dell’Udinese non ha più perso un minuto).

Discorso diverso dobbiamo farlo per i seguenti difensori perché avrebbero le potenzialità per essere in una categoria superiore ma per diversi motivi (infortuni, brutte prestazioni, ballottaggio aperto) rientrano in questa fascia. Per prestazioni deludenti dobbiamo citare N’Koulou e Izzo: il rendimento difensivo del Toro non è nemmeno paragonabile a quello dell’anno scorso. Stesso discorso vale per Florenzi, che per diverse giornate è stato lasciato anche in panchina da Fonseca. Per via di infortuni e ballottaggi aperti citiamo quattro difensori dell’Inter: Asamoah, Biraghi, Bastoni e D’Ambrosio.

Infine, troviamo quei giocatori che forniscono prestazioni altalenanti ma se schierati nelle giornate giuste possono portare diversi bonus: Castagne, Luca Pellegrini, Sabelli, Lirola, Ghiglione (attenzione alla concorrenza di Ankersen) e Calderoni.

SEMI-TOP DI REPARTO

Il reparto dei semi-top è composto prevalentemente da giocatori da una buona Media Voto, quasi sempre titolari e che talvolta portano bonus. Rispecchiano perfettamente questo identikit: Toloi (per lui incredibilmente già 4 assist), Manolas, Alex Sandro, Gianluca Mancini, Milenkovic, Godin (anche se ormai è sempre in ballottaggio con Bastoni), German Pezzella e Romagnoli.

Nonostante fin qui abbiano disputato una stagione negativa, possiamo ancora inserire in questa categoria Koulibaly, Hateboer, Di Lorenzo, De Ligt e Bruno Alves (non ha fatto male, ma da lui ci si aspettava di più soprattutto in termini di bonus), poiché li reputiamo in grado di invertire la rotta nel girone di ritorno a suon di buone prestazioni. Infine, troviamo le “sorprese” che si sono guadagnate la categoria sul campo: Faraoni (già 2 gol e 3 assist) e Kumbulla (MV 6,16). Discorso diverso per Criscito: le sue prestazioni sono alquanto altalenanti, ma dal dischetto è un cecchino (4 su 4) e nell’epoca del VAR questo conta moltissimo.

TOP DI REPARTO

Tra i top di reparto, il migliore in assoluto è senza dubbio Robin Gosens: per lui già 6 gol e 3 assist, meglio di molti centrocampisti. Paragonabile al tedesco per rendimento e ruolo troviamo Theo Hernandez (4 gol e 1 assist), veramente una nota positiva in questo Milan di metà classifica. Ultimo tra i terzini, troviamo Kolarov, che ha perso l’incarico di tirare i rigori per via del rientro di Perotti, ma ha sempre il piede caldo sui piazzati. Con meno feeling con il bonus, ma con un rendimento eccellente troviamo cinque centrali difensivi: Bonucci, De Vrij, Acerbi, Smalling e Skriniar.

FUORI CATEGORIA

Fuori categoria troviamo Giorgio Chiellini. Tra poco più di un mese dovrebbe fare il suo rientro in campo e, se non c’è certezza sulle sue condizioni fisiche, è sicura la sua voglia di partecipare a Euro 2020 con la fascia di capitano al braccio. Pertanto, si impegnerà al massimo anche in campionato quando sarà chiamato in causa e qualche credito, se avete un reparto già completo, potreste puntarcelo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy